Utilizziamo i cookies per offrirti la migliore esperienza possibile sulla nostra pagina web. Continuando la navigazione su questo sito, dai il consenso all`utilizzo dei cookie. Per ulteriori dettagli, tra cui come modificare le proprie preferenze, si prega di leggere Informativa sulla Privacy.
Ulteriori Informazioni Accetto
L` 81% dei conti retail perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. L` 81% dei conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. expand_more

Analisi e consigli utili per investire in Azioni Repsol

Luglio 08, 2020 16:51 UTC

Repsol è una delle più grandi aziende spagnole, con 25.000 dipendenti e una presenza in 34 paesi. Fondata nel 1987, originariamente si occupava di raffinazione e commercializzazione di petrolio e gas, ma ora copre diversi segmenti del settore energetico: gas naturale, elettricità e prodotti chimici. Se ti interessa l'idea di inziare ad investire in azioni repsol, questo articolo fa per te! Analizzeremo i fondamenti e gli aspetti tecnici del titolo in modo che tu possa decidere con chiarezza come farci trading.

investire in azioni repsol

In questo articolo approfondiremo nel dettaglio:

  • La storia di Repsol
  • La distribuzione dei dividendi delle azioni Repsol
  • Analisi tecnica delle azioni Repsol
  • Vantaggi di investire in Repsol
  • Rischi connessi all'acquisto di azioni Repsol
  • Alternativa di investimento: CFD su azioni Repsol
  • Come acquistare Repsol azioni
  • Come vendere Repsol azioni

Iniziamo subito!

Investire in Repsol Azioni - La storia della società

Sebbene il Grupo Repsol sia stato ufficialmente fondato nel 1987, le sue origini risalgono a molti anni fa, in particolare al 1927. Quell'anno fu fondata la Campsa (Compañía Arrendataria del Monopolio de Petróleos S.A.) per amministrare la concessione del monopolio petrolifero statale. In origine era una società mista con una partecipazione di minoranza dello Stato. Da allora, diverse pietre miliari sono confluite nella creazione di Repsol così come la conosciamo oggi. Esaminiamo queste pietre miliari:

➡️ ️Nel settembre 1941 è stato creato l'Istituto Nazionale dell'Industria (INI) con l'obiettivo di promuovere e finanziare le industrie spagnole. Fu allora che Campsa realizzò un'indagine in Cantabria, segnando una pietra miliare in termini di esplorazione nella penisola iberica.

➡️ Nel 1942 le funzioni del monopolio petrolifero sono state trasferite all'INI, raggruppando le partecipazioni dello Stato in società dedicate agli idrocarburi. Nel novembre dello stesso anno viene creata l'Empresa Nacional Calvo Sotelo (ENCASO), che inizia la sua attività a Puertollano e Levante e si occupa dell'assemblaggio della Raffineria di Cartagena.

➡️ Nel 1948 viene costituita la società REPESA (Refinería de Petróleos de Escombreras) per l'installazione di una raffineria a Cartagena. Repsol era il marchio di lubrificanti REPESA.

➡️ Nel 1957 è stata creata la società Butano S.A. per la fornitura di gas butano porta a porta.

➡️ Nel 1965 è stata fondata la Sociedad Hispánica de Petróleos S.A. (Hispanoil) è stato istituito con l'obiettivo di effettuare l'esplorazione e la produzione di idrocarburi al di fuori del territorio nazionale.

➡️ Nel 1968, REPESA vede nelle corse automobilistiche il miglior banco di prova e pone la prima pietra di quello che oggi conosciamo come Repsol Racing Team.

➡️ Nel 1981 è stato creato l'Instituto Nacional de Hidrocarburos (INH) per raggruppare le partecipazioni statali nel settore energetico: Petroliber, Hispanoil, Campsa, Enpetrol, Eniepsa, Enagás e Butano S.A.

➡️Nel 1985, nel quadro della firma del trattato di adesione alla Commissione economica europea, il governo spagnolo si è impegnato a liberalizzare tutti i settori economici, compreso quello degli idrocarburi.

➡️ Nel 1987 è stata creata la Repsol S.A. a seguito della riorganizzazione del settore petrolifero spagnolo. L'azienda decide di adottare il nome del marchio della stella REPESA per la sua notorietà.

➡️ Nel 1989 è stato compiuto il primo passo verso la privatizzazione totale del gruppo con la firma di un contratto tra INH, Repsol e BBV. In questo contesto, le azioni Repsol hanno iniziato ad essere quotate alla borsa spagnola e a Wall Street.

➡️ Nel dicembre 1992, il monopolio petrolifero è stato estinto e Campsa ha cambiato il suo nome in "Compañía Logística de Hidrocarburos" (CLH).

➡️ Nel 1995 è stata creata la Sociedad Estatal de Participaciones Industriales (SEPI), controllata dal Ministero dell'Industria e dell'Energia, alla quale sono state trasferite tutte le azioni della INH.

➡️ Nell'aprile 1997, il processo di privatizzazione di Repsol si è concluso con l'ultima offerta pubblica di acquisto delle azioni ancora detenute dalla Sociedad Estatal de Participaciones Industriales (SEPI).

➡️ Nel 1999, l'acquisizione della compagnia petrolifera argentina YPF ha consolidato Repsol come società globale, diventando la più grande compagnia energetica privata dell'America Latina.

➡️ Nel 2012, l'Argentina nazionalizza YPF ed espropria il 51% delle azioni della società Repsol, un duro colpo per la compagnia petrolifera spagnola, che sta perdendo peso internazionale e nell'IBEX35. Dopo una battaglia legale, Repsol ottiene un risarcimento dal governo argentino.

➡️ Nel 2015, Repsol acquisisce la compagnia petrolifera canadese Talisman Energy.

➡️ Nel 2018, la società incorpora l'elettricità e il gas naturale a basse emissioni nella sua offerta commerciale come parte del suo impegno per la transizione energetica e contro il cambiamento climatico ( green economy).

Attualmente, Repsol è presente in più di 40 paesi, produce circa 700.000 barili di petrolio equivalente al giorno e dispone di oltre 4.700 stazioni di servizio, settore in cui è leader in Spagna.

Negli ultimi anni, nell'ambito del suo impegno per la transizione energetica, Repsol ha aperto diverse linee di business per ridurre la sua dipendenza dal petrolio. Ad esempio, ha lanciato Solmatch per la progettazione di comunità solari nelle aree urbane. Anche con l'installazione di punti di ricarica per veicoli elettrici.

Investire in Azioni Repsol - Dividendi e azionisti

Repsol ha attualmente una capitalizzazione di mercato di poco più di 15 miliardi di euro, secondo il sito ufficiale di Bolsas y Mercados Españoles (BME), il gestore dei mercati spagnoli. A gennaio 2020, la multinazionale spagnola ha in circolazione 1.566 milioni di azioni.

I principali azionisti di Repsol a giugno 2020 sono Sacyr, con il 7,835 % del totale dei diritti di voto (direttamente e indirettamente); JP Morgan, con il 6,855 %, BlackRock, con il 4,998 % e Temaseck Holdings, con l'1,504 %. Per quanto riguarda la posizione geografica dei suoi azionisti, la maggioranza proviene dal Regno Unito e dagli Stati Uniti:

azionisti repsol azioni

Fonte: Repsol.com

Nella tabella che segue si può vedere il rapporto tra le emissioni e i frazionamenti azionari che l'azienda ha effettuato negli ultimi anni:

green economy e azioni intraprese da repsol azioni

Fonte: Repsol.com

L'8 maggio 2020, in occasione dell'Assemblea degli Azionisti tenutasi online a causa della pandemia di coronavirus, gli azionisti di Repsol hanno approvato un compenso di 0,55 euro per azione in sostituzione di quello che sarebbe stato il tradizionale dividendo complementare, che la società aveva previsto di distribuire nel mese di luglio secondo la formula del dividendo scrip.

L'Assemblea ha inoltre autorizzato il mantenimento della riduzione del capitale mediante l'annullamento delle azioni proprie nel 2020, "al fine di compensare l'effetto diluitivo della formula del dividendo scrip".

Il grafico seguente mostra l'evoluzione storica del dividendo di Repsol, come indicato sul suo sito ufficiale:

dividendi delle azioni repsol

Fonte: Repsol.com

Se guardiamo l'immagine sopra, e tenendo conto che il titolo Repsol ha chiuso il 2019 a 13,93 euro, il dividend yield è stato di circa il 7% lo scorso anno.

Ora che conosciamo un po' meglio Repsol e come ricompensa i suoi azionisti, analizzeremo la performance delle azioni Repsol sul mercato azionario. Ma prima, se vuoi consultare il prezzo delle azioni Repsol in tempo reale con la piattaforma di trading più popolare, MetaTrader 5, clicca sul bottone qui sotto e scarica ed installa la piattaforma in pochi click!

VAI A METATRADER

Analisi tecnica delle Azioni Repsol Trading

Il prezzo delle azioni Repsol è ovviamente strettamente legato all'evoluzione del prezzo del petrolio. Così, se il prezzo del petrolio sale, Repsol sarà rivalutato in borsa e viceversa. Nel grafico che segue vediamo come le azioni Repsol si muovono in modo molto simile al petrolio WTI negli ultimi 15 anni:

prezzo delle azioni repsol comparate con il petrolio

Fonte: Admiral Markets MetaTrader 5. Zona superiore #REP; zona inferiore #WTI. Gamma di dati: Dicembre 2006 - giugno 2020. Preparato il 9 giugno 2020. Si prega di notare che le prestazioni passate non garantiscono le prestazioni future.

Guardiamo ora il grafico Repsol su base individuale e a lungo termine e l'effetto che ha avuto sul prezzo delle azioni, alcuni degli eventi che hanno maggiormente segnato l'azienda:

grafico del prezzo delle azioni repsol

Fonte: Admiral Markets MetaTrader 5. Grafico settimanale #REP. Gamma di dati: dal 1° luglio 2007 al 9 giugno 2020. Preparato il 9 giugno 2020. Si prega di notare che le prestazioni passate non garantiscono le prestazioni future.

Nel grafico settimanale a lungo termine possiamo vedere, prima di tutto, come le azioni Repsol sono crollate prima nel 2008 e poi nel 2012 (rettangoli arancioni). Perché? Nel 2008 sono iniziate le voci sulla nazionalizzazione di YPF da parte del governo argentino, che hanno portato gli investitori a perdere fiducia nel titolo. In seguito sono riusciti a riprendersi, ma quando l'esproprio di YPF è diventato una realtà, Repsol ha sofferto di nuovo sul mercato azionario.

Negli anni successivi, il prezzo delle azioni della multinazionale dell'energia si è ripreso, pur rimanendo lontano dai livelli raggiunti nei primi anni del nuovo secolo. Nel 2015, ancora una volta, le azioni Repsol affonderanno sul mercato azionario (rettangolo verde) in quanto diversi eventi strettamente legati al suo business coincidono: l'arresto dell'economia cinese e, di conseguenza, della domanda, insieme al calo del prezzo del petrolio. Inoltre, in quell'anno Repsol aveva acquistato la società canadese Talisman nel più grande acquisto di una società spagnola degli ultimi cinque anni.

Le azioni Repsol iniziano a recuperare all'inizio del 2016 e questa tendenza al rialzo continua fino alla fine del 2018. Nel 2019, il titolo si muove in un range di 15-13 euro e affonda di nuovo alla fine di gennaio 2020, quando il coronavirus raggiunge l'Europa. Parallelamente alla diffusione della pandemia, vari eventi hanno influito sul prezzo del petrolio fino a quando il 20 aprile si è verificata una situazione senza precedenti con un effetto a catena.

Zoomiamo ora sul grafico e guardiamo l'evoluzione quotidiana per vedere in dettaglio ciò che è successo dall'inizio del 2020:

analisi tecnica delle azioni repsol su grafico a breve termine

Fonte: Admiral Markets MetaTrader 5 Supreme Edition. Grafico giornaliero #REP. Gamma di dati: dal 26 aprile 2019 al 9 giugno 2020. Preparato il 9 giugno 2020. Si prega di notare che le prestazioni passate non garantiscono le prestazioni future.

Nel grafico sopra riportato si può notare come il 5 novembre 2019 il titolo Repsol ha chiuso a 15,44 euro e da allora ha iniziato a deprezzarsi con alti e bassi decrescenti. A metà gennaio 2020, la caduta è stata accentuata dalle prime misure di contenimento in Cina a causa della diffusione del coronavirus. La domanda di petrolio cala drasticamente prima in Cina e poi in tutto il resto del mondo, man mano che la malattia si trasforma in una pandemia.

Di fronte a questa situazione, l'OPEC ha deciso di convocare una riunione d'emergenza a marzo, ma i paesi dell'organizzazione non hanno raggiunto un accordo con la Russia, ed è scoppiata una guerra dei prezzi che ha trascinato il prezzo del petrolio ancora più in basso.

In aprile, tuttavia, raggiungono un accordo per tagliare la produzione di greggio di circa il 10% dell'offerta mondiale. Il taglio è di gran lunga il più grande della storia, essendo quattro volte superiore al taglio effettuato nel 2008.

Il 19 marzo 2020 le azioni Repsol sono scese in campo a 5,98 euro per azione. Da quel momento fino al 9 giugno, il prezzo riesce a tornare sulla via del rialzo con la generale stabilizzazione dei mercati e del prezzo del petrolio, anche se dopo l'accordo di taglio da parte dell'OPEC trae un doppio piano.

➡️Il 9 giugno il titolo ha raggiunto di nuovo i 9 euro per azione dopo aver rotto la resistenza di 8,6 euro per azione che aveva tentato più volte di superare. Al momento della scrittura, come si vede nel Mini Terminal della MetaTrader Supreme Edition, sia la tendenza che il movimento e la forza sono positivi, quindi il prezzo potrebbe essere diretto verso la prossima resistenza, intorno ai 10,8 euro. Dovremo stare attenti all'evoluzione della pandemia perché, per il momento, la riattivazione delle economie mondiali dopo la fine delle misure di contenimento, potrebbe anche riattivare la domanda.

Puoi iniziare a praticare la tua strategia di trading con le azioni Repsol aprendo un conto demo gratuito:

APRI UN CONTO DEMO

I vantaggi di investire in Azioni Repsol

La verità è che qualsiasi raccomandazione di acquisto riguardante Repsol dipenderà dall'evoluzione del coronavirus nella seconda metà del 2020. Se ci sono segnali di ripresa dell'attività in Cina tra aprile e maggio seguiti da Europa e Stati Uniti, Repsol potrebbe essere sulla buona strada per raggiungere i livelli con cui ha iniziato il 2020, a circa 13 euro.

D'altra parte, stiamo parlando di una società stabile, con molti anni di storia in borsa e una delle poche società che per il momento mantiene il suo dividendo per quest'anno.

Gli investitori che sono interessati a lungo termine, possono tener conto del fatto che il titolo in questo momento è a buon mercato e quindi può essere un buon momento per includerlo nel proprio portafoglio. Inoltre, se l'azienda continua a diversificare il suo business energetico e mantiene il suo impegno per l'energia pulita, in futuro dipenderà meno dall'evoluzione del petrolio.

Nel breve termine, la prudenza dovrebbe dominare le decisioni di investimento perché quando si parla di coronavirus e dei suoi effetti, le prospettive sono ancora incerte.

I rischi di investire in Repsol Azioni

Repsol ha registrato una perdita di 487 milioni di euro nel primo trimestre 2020, contro un aumento di 608 milioni di euro nello stesso periodo dell'anno precedente. Tali perdite sono dovute principalmente alla perdita di valore delle sue scorte a seguito del crollo dei prezzi del petrolio e del gas, ma anche al calo della domanda dovuto alle restrizioni adottate a livello mondiale per far fronte al coronavirus.

È improbabile che la società si riprenda nel secondo trimestre, in quanto le misure di contenimento continuano nella maggior parte dei paesi europei e in parte degli Stati Uniti nei mesi di aprile e maggio, e quindi la domanda potrebbe non aver raggiunto i livelli normali.

D'altra parte, anche se i mercati finanziari sembrano recuperare la fiducia degli investitori, una possibile seconda ondata di coronavirus potrebbe portare ad un nuovo collasso globale come quello verificatosi a fine marzo, quando si è verificata un'impennata delle vendite.

Fare trading con CFD su Azioni Repsol

I trader hanno due opzioni per investire in azioni Repsol: l'acquisto diretto di azioni Repsol, che consente loro di ottenere una quota del capitale sociale e il diritto di voto nel processo decisionale. L'altra opzione è quella di acquistare azioni tramite CFD o contratti per differenza, che permettono di speculare sul prezzo delle azioni Repsol senza dover possedere il titolo vero e proprio.

I CFD consentono l'uso della leva finanziaria, in modo da poter aprire posizioni di notevole valore con un capitale ridotto. Ma bisogna fare attenzione, perché, così come la leva finanziaria può aumentare i potenziali guadagni, può anche aumentare le perdite.

Un altro vantaggio dei CFD è che ti permettono di sfruttare sia gli scenari rialzisti che quelli ribassisti - i CFD ti permettono di vendere allo scoperto per approfittare di una possibile tendenza al ribasso!

Come fare trading con Azioni Repsol in Admiral Markets

È possibile acquistare azioni Repsol direttamente dal conto Invest.MT5 di Admiral Markets, con il quale è possibile accedere anche a 4.350 azioni e a circa 200 ETF (Exchange Traded Fund). Un'altra possibilità, come abbiamo già detto, è quella di negoziare i CFD, strumenti che permettono di utilizzare la leva finanziaria. Il rischio di perdere rapidamente il proprio denaro aumenta quando si fa trading con la leva finanziaria, quindi fai attenzione!

Per acquistare o vendere azioni Repsol con MetaTrader, la piattaforma di trading utilizzata da Admiral Markets, basta seguire questi semplici passi:

  1. Apri un conto demo o reale
  2. Scarica la piattaforma MetaTrader 4 o MetaTrader 5 sul tuo PC, cellulare o tablet per accedere ai mercati.
  3. Accedi al tuo conto di trading MetaTrader
  4. Una volta aperta la piattaforma, posiziona la freccia del mouse sulla scheda 'Visualizza' e cliccare su 'Market Watch'.
  5. Si aprirà una finestra sul lato sinistro del grafico dove si possono vedere i simboli più scambiati. Se non trovi il simbolo che stai cercando, torna alla scheda "Visualizza" e clicca su "Simboli".
  6. Si aprirà una finestra. Puoi scrivere il simbolo che ti interessa nella barra di ricerca. Selezionalo e clicca su 'Mostra simbolo'.
  7. Il simbolo apparirà nella finestra 'Market Watch', trascinalo sul grafico e potrai vedere il movimento del prezzo.
  8. Nella scheda 'Strumenti', clicca su 'Nuovo ordine' e apparirà una finestra in cui dovrai scegliere il volume, Stop Loss e Take Profit. Una volta fatta la tua scelta, cliccate su Compra al mercato o Vendi al mercato.

Repsol Azioni - Gestione del rischio

Se vuoi iniziare a fare trading con un conto reale, non dimenticate che una buona gestione del rischio eviterà grandi perdite di denaro. Ti lasciamo alcuni consigli chiave da tenere in considerazione nella gestione del rischio:

  • Fai un piano di trading e non ti allontanate da quanto stabilito
  • Utilizza Stop Loss e Take Profit
  • Non investire più di quanto tu ti possa permettere
  • Le posizioni non dovrebbero superare l'1-2% del volume del tuo saldo
  • Fai attenzione alla leva
  • Prendi in considerazione le commissioni o i costi delle operazioni

Se vuoi iniziare a fare trading ora, puoi aprire un conto reale cliccando sul banner qui sotto:

apri un conto di trading per investire in azioni repsol

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Admiral Markets

Siamo un broker con presenza globale e regolamentato dalle più alte autorità finanziarie. Offriamo l'accesso alle piattaforme di trading più innovative. Negoziamo CFD, azioni e ETF.

Buon Trading!

Admiral Markets

Avvertenza sui rischi: i dati forniti forniscono informazioni aggiuntive rispetto a tutte le analisi, stime, previsioni o altre valutazioni o informazioni simili ("Analisi") pubblicate sul sito web di Admiral Markets. Prima di prendere qualsiasi decisione di investimento, prestare particolare attenzione a quanto segue:

1. Questa è una comunicazione di marketing. Il contenuto è pubblicato a solo scopo informativo e non deve essere interpretato in alcun modo come consiglio o raccomandazione di investimento. Non è stato preparato in conformità con i requisiti legali volti a promuovere l'indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non è soggetto ad alcun divieto di negoziazione prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.

2. Qualsiasi decisione di investimento è presa da ciascun cliente separatamente, mentre Admiral Markets AS (Admiral Markets) non sarà responsabile per qualsiasi perdita o danno derivante da tale decisione, sia che si basi o meno sul contenuto.

3. Per garantire che gli interessi dei clienti siano protetti e l'obiettività dell'Analisi non sia compromessa, Admiral Markets ha stabilito procedure interne rilevanti per la prevenzione e la gestione dei conflitti di interesse.

4. L'analisi è preparata da un analista indipendente sulla base delle sue stime personali.

5. Sebbene sia stato fatto ogni ragionevole sforzo per assicurare che tutte le fonti dell'Analisi siano affidabili e che tutte le informazioni siano presentate, per quanto possibile, in modo comprensibile, tempestivo, accurato e completo, Admiral Markets non garantisce l'accuratezza o la completezza delle informazioni contenute nell'Analisi.

6. Qualsiasi precedente performance o modellizzazione degli strumenti finanziari indicati nella Pubblicazione non deve essere interpretata come promessa, garanzia o implicazione espressa o implicita da parte di Admiral Markets per qualsiasi performance futura. Il valore dello strumento finanziario può aumentare o diminuire e il mantenimento del valore dell'attività non è garantito.

7. I prodotti a leva (compresi i contratti per differenze) sono di natura speculativa e possono determinare perdite o guadagni. Prima di iniziare a fare trading, assicurati di aver compreso appieno i rischi connessi.

8. I prodotti a leva (compresi i contratti per differenze) sono di natura speculativa e possono generare profitti o perdite. Prima di iniziare a fare trading, è necessario assicurarsi di aver compreso tutti i rischi.