Utilizziamo i cookies per offrirti la migliore esperienza possibile sulla nostra pagina web. Continuando la navigazione su questo sito, dai il consenso all`utilizzo dei cookie. Per ulteriori dettagli, tra cui come modificare le proprie preferenze, si prega di leggere Informativa sulla Privacy.
Ulteriori Informazioni Accetto
L` 81% dei conti retail perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. L` 81% dei conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. expand_more

▼ 5 buone ragioni per Investire in Azioni Disney ▼

Luglio 10, 2020 14:46 UTC

Investire in azioni Disney sembra essere diventata una delle decisioni più diffuse tra i principali investitori di tutto il mondo, da George Soros a Greenlight Capital, il fondo di investimento di David Einhorn, al fondo sovrano dell'Arabia Saudita The Public Investment Fund (PIF). In questo articolo spiegheremo cinque motivi per investire in azioni Disney nel 2020, i punti di forza di questo titolo, le sue debolezze, in breve, tutto quello che dovresti sapere per fare trading in azioni Disney con successo!

investire in azioni disney nel 2020

Investire in Disney Azioni - Un po' di storia

La Disney è una delle aziende più conosciute al mondo, oltre che probabilmente la più grande del pianeta, poiché copre numerosi settori dell'intrattenimento. Fondata nell'ottobre del 1923 da Walt Disney, il suo primo grande successo cinematografico fu Biancaneve, che debuttò nelle sale nel 1937. Le azioni Disney sono quotate alla Borsa di New York dal maggio 1991 e attualmente la società detiene la posizione di leader come gruppo di comunicazione, davanti a Comcast, WarnerMedia e ViacomCBS.

Vediamo alcune delle grandi pietre miliari della storia di The Walt Disney Company che ne hanno fatto il gigante che tutti conosciamo oggi, dai parchi a tema alla produzione di grandi successo fino ai canali televisivi e alla recente piattaforma di streaming.

1. Decenni 1920 - 1950

  • Nel 1923, i fratelli Walt e Roy Disney fondano il Disney Bros. Studio che, nel 1925, diventerà Walt Disney Studios.
  • Nel 1928 il famoso Topolino appare per la prima volta in televisione. Quattro anni dopo, Paperino, Pluto e Pippo si presentarono al grande pubblico.

➰ Sapevi che Walt Disney in persona ha dato voce a Topolino fino alla fine degli anni '40?

  • Nel 1937 è uscito il primo lungometraggio targato Disney: Biancaneve e i sette nani, un blockbuster seguito da Dumbo nel 1941, Bambi nel 1942 e Peter Pan nel 1953, tra gli altri.
  • Nel 1952 è stata fondata la Walt Disney Inc., allora WED Enterprises, per gestire i parchi a tema Disney.

2. 1960 - 1990

  • Nel 1964 si presenta il primo vero lungometraggio d'azione: Mary Poppins.
  • Nel 1966 Walt Disney muore e suo fratello Roy O. Disney rileva l'azienda fino al 1971, anno della sua morte.
  • Il decennio successivo è segnato dall'instabilità, con continui cambiamenti nella presidenza, fino all'arrivo di Michael Eisner nel 1984.
  • Nel 1983 è stato lanciato Disney Channel.
  • Nel 1986 la Walt Disney Studios viene ribattezzata The Walt Disney Company.
  • Nel 1987 apre il primo parco a tema in Europa: Eurodisney (ora Disneyland Paris)
  • Nel 1989 inizia l'età dell'oro della Disney e la sua rinascita
  • Negli anni Novanta, Disney ha messo insieme un successo dopo l'altro al botteghino: La Sirenetta, la Bella e la Bestia, Aladdin.
  • Nel 1995 l'azienda firma uno dei suoi accordi di maggior successo, la collaborazione con la Pixar per produrre il suo primo film con CGI, Toy Story.
  • Nel 1996, la società acquisisce Capital Cities/ABC, ampliando il suo business televisivo e rilevando il canale sportivo ESPN, uno dei fiori all'occhiello della Disney.

3. 2000 - 2020

  • Nel 2001, la Disney acquista Fox Family Worldwide.
  • Nel 2003, ha pubblicato il suo primo film per gli over 13: Pirati dei Caraibi - La maledizione della Perla Nera, che è stato un grande successo, come il resto dei film della saga.
  • Nel 2005, Bob Iger viene nominato CEO, avviando un processo di acquisizioni multimilionarie che ha portato la Disney a diventare l'impero dell'intrattenimento che conosciamo oggi.
  • Nel 2006, la Disney acquista la Pixar. Nello stesso anno, i suoi più grandi successi High School Musical e Hannah Montana sono usciti su Disney Channel.
  • Nel 2009, Disney ha acquistato la Marvel Entertainment per 4 miliardi di dollari, iniziando a produrre i blockbuster creati da Stan Lee come Iron Man, Capitan America o The Avengers.
  • Tre anni dopo, The Walt Disney Company ha acquisito un altro gigante del mondo cinematografico: ha acquistato la Lucasfilm e con essa i diritti della saga di Star Wars.
  • Nel 2013 polverizza i dati del box office aggiungendo le prime di Iron Man 3, Monster University, Oz, Thor e Frozen.
  • Nel 2014 inizia a produrre film di 'life action' come Malefica e remake dei suoi più grandi successi dei cartoni animati, come The Jungle Book, Aladdin e Il Re Leone.
  • Nel 2019 formalizza l'acquisto della 21st Century Fox per 71 300 milioni di dollari, riuscendo così a inserire nel suo catalogo grandi successi come Avatar, Alien, Titanic, DeadPool, I fantastici 4 e The Simpsons. Come risultato di questa operazione, ha anche incorporato parte dei canali Fox del XX secolo, FX e National Geographic. Inoltre, ha lanciato negli Stati Uniti la piattaforma di streaming Disney+, un canale per competere con Netflix e altri marchi.
  • All'inizio del 2020, Iger ha annunciato il suo ritiro e la nomina al suo posto di Bob Chapek, il dirigente dell'azienda per gli ultimi decenni. Tuttavia, lo scoppio della pandemia di coronavirus lo ha costretto a ritardare i suoi piani per assumere un ruolo guida nelle misure di contenimento della pandemia.

scegli un broker di fiducia per investire in azioni disney

Comprare Azioni Disney - Dati fondamentali

La Walt Disney Company ha registrato un utile netto di 475 milioni di dollari nel secondo trimestre fiscale conclusosi il 28 marzo 2020, in calo del 91% rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso. Un drastico calo delle entrate causato dalle misure restrittive adottate dai governi di tutto il mondo per frenare la crisi del coronavirus e che hanno incluso la chiusura dei parchi a tema e delle sale cinematografiche. Da considerare anche la cancellazione di eventi sportivi professionali che hanno lasciato ESPN a mani vuote.

L'utile per azione, escluse alcune voci, si è chiuso a marzo 2020 a 60 centesimi, il 63% in meno rispetto a un anno prima.

Nonostante questo drastico calo dei profitti, l'azienda avrebbe potuto registrare risultati peggiori se la sua piattaforma di streaming Disney+, lanciata nel novembre 2019 negli Stati Uniti e arrivata in Italia alla fine di marzo 2020, nel culmine della crisi del coronavirus, non fosse stata così ben accolta.

Disney+ e Hulu, oltre ad altre piattaforme e canali internazionali della società, sono riuscite ad aumentare le loro vendite del 272% nel primo trimestre, anche se i costi operativi legati all'implementazione di queste due piattaforme hanno rappresentato un costo elevato per Disney. Gli utenti Disney+ sono saliti a 33,5 milioni alla fine del primo trimestre 2020 e hanno raggiunto i 50 milioni a maggio, ben al di sopra delle previsioni iniziali della società.

storico dei risultati finanziari di walt disney azioni

Fonte: Grafico preparato da Admiral Markets sulla base dei dati del rapporto annuale 2019 della Disney.

I dividendo delle Azioni Disney

Nonostante il complicato momento che The Walt Disney Company sta attraversando a causa del coronavirus, che ha danneggiato non solo il suo reddito ma anche la sua buona evoluzione in borsa (come vedremo più avanti), la società di Topolino ha un business molto diversificato, come abbiamo visto, e tutti i dati indicano che sta uscendo da questa crisi tutta d'un pezzo. Per il momento, ha adottato alcune misure per ridurre i costi, come il licenziamento temporaneo dei dipendenti o la riduzione degli stipendi dei dirigenti. La cattiva notizia per gli investitori è che la società non pagherà il dividendo semestrale previsto per luglio 2020.

Disney ha annunciato nel giugno 2015 che avrebbe pagato il dividendo semestralmente piuttosto che annualmente. Pertanto, nel quadro che segue dobbiamo tener conto del fatto che l'anno fiscale 2015 comprende il pagamento dei relativi dividendi fino all'anno fiscale 2014 e al primo semestre dell'anno fiscale 2015.

storico dei dividenti delle azioni walt disney

Fonte: Grafico preparato da Admiral Markets sulla base dei dati della relazione annuale sui risultati del 2019. Pagamento in dollari per azione.

Come si può notare dal grafico a barre qui sopra, il dividendo è andato gradualmente aumentando negli ultimi anni, nonostante l'adeguamento al 2015 per il cambiamento del sistema di remunerazione. Le cifre sono ben lontane dai 40 centesimi pagati nel 2011 o dai 20 centesimi pagati nel 2001.

Nonostante la cancellazione del dividendo di luglio, gli analisti sono ancora ottimisti sulle azioni Disney e sul loro recupero.

Infatti, secondo un rapporto depositato presso la U.S. Securities and Exchange Commission (SEC), il fondo dell'Arabia Saudita The Public Investment Fund, nella sua ricerca di azioni a basso costo tra le principali società statunitensi dopo il crollo del mercato a causa del coronavirus, ha preso posizione in Disney. Una mossa che è stata fatta anche da George Soros di Soros Fund Management, David Einhorn di Greenlight Capital o Dan Loeb di Third Point, tra gli altri.

Se vuoi praticare le tue strategie di trading con le azioni Disney in un ambiente sicuro con un conto demo gratuito, basta cliccare sul seguente bottone, registrarsi e aprire un conto demo in pochi click:

APRI UN CONTO DEMO

Investire in Walt Disney Azioni - La rivalità con Warner

Una delle cose più interessanti della storia della Disney è l'eterna rivalità con la Warner Bros., una rivalità che non è emersa dall'uscita dei film sui supereroi della Marvel e dei fumetti DC, rispettivamente. In questo senso, dobbiamo ricordare che qualche anno dopo che la Disney ha reso popolari Topolino e Paperino, la Warner ha battuto i record con i suoi personaggi dei Looney Tunes, con Bugs Bunny in testa, negli anni '40 e '50. Erano personaggi buoni e innocenti (Disney) contro personaggi birichini e con un caratteristico umorismo nero (Warner) che hanno conquistato bambini e adulti.

I 10 film Marvel e DC di maggior successo

Film

Tipo/anno

Incassi al botteghino (milioni di dollari)

Avangers: Endgame

Marvel/2019

2.820,5

Avangers: Infinity War

Marvel/2018

2.048,4

The Avangers

Marvel/2012

1.518,0

Avengers: The Age of Ultron

Marvel/2015

1.405,2

Black Panther

Marvel/2018

1.346,3

Iron Man 3

Marvel/2013

1.214,2

Capitan América: Civil War

Marvel/2016

1.153,3

Aquaman

DC/2018

1.147,8

Spider Man

Marvel/2019

1.131,9

Captain Marvel

Marvel/2019

1.128,2

Anni dopo, negli anni '70, la Warner superò Disney. La prima versione di Superman fu un successo travolgente, che negli anni successivi si unì anche con le diverse versioni di Batman, in particolare con la trilogia diretta da Christopher Nolan. È stato allora che la Disney ha iniziato a produrre i film dell'universo Marvel dopo aver acquistato la Marvel Entertainment nel 2009. Allo stesso tempo, Warner ha creato il suo universo DC con Man of Steel, la Justice League e Wonder Woman, film che, tuttavia, non sono riusciti ad avvicinarsi ai numeri della Disney con film come la saga degli Avangers o Iron Man.

A parte i supereroi, la Warner è riuscita a guadagnare e a diventare prima al botteghino alla fine degli anni '90 e all'inizio del 2000, quando ha distribuito i film della saga di Harry Potter. Negli ultimi anni, Warner ha continuato a sfruttare questo franchise di successo con l'uscita di Animali Fantastici. Tuttavia, questi film non sono stati in grado di far fronte alle ultime puntate dell'universo di Star Wars pubblicate dalla Disney in parallelo con quelle della Marvel.

Analisi tecnica dell'andamenteo delle Azioni Walt Disney

La Disney ha debuttato alla Borsa di New York (NYSE) nel maggio 1991 a circa 10 dollari per azione. Quasi tre decenni dopo, le sue azioni sono scambiate a 118 dollari ciascuna (giugno 2020), riflettendo l'enorme crescita di questo conglomerato nel corso della sua storia fino a 214,53 miliardi di dollari di capitalizzazione.

Alcuni dei maggiori rialzi del mercato azionario sono stati preceduti dagli eventi più significativi della sua storia, come le acquisizioni di grandi franchising. Nel grafico seguente si vede come dall'inizio del 2009 la tendenza al rialzo è sostenuta e continua fino al 4 agosto 2015, quando raggiunge il suo massimo storico fino ad allora, a 121,60 dollari. Quell'anno viene pubblicato l'Episodio VII di Guerre Stellari, Il Risveglio della Forza. Entro la fine del 2015, tuttavia, le azioni Disney hanno cominciato a scendere a circa 90 dollari in quanto ha perso abbonati al suo canale sportivo ESPN rispetto alla concorrenza.

Negli anni successivi, le azioni Disney hanno riguadagnato terreno e nell'aprile 2019 il prezzo è salito dopo aver annunciato che avrebbe lanciato il suo canale streaming Disney+ nel novembre di quell'anno (negli USA). Il 26 novembre dello stesso anno, le azioni Disney raggiungono il loro ultimo record storico di 151,9 dollari. Da quel momento in poi, il prezzo ha perso forza e poi è crollato con l'insorgenza della pandemia di coronavirus:

grafico storico dei prezzi delle azioni disney

Fonte: Admiral Markets MetaTrader 5. Grafico settimanale Disney. Gamma di dati: da aprile 2007 al 2 giugno 2020. Prodotto il 2 giugno 2020. Si prega di notare che le prestazioni passate non garantiscono le prestazioni future.

Se avviciniamo un po' il grafico, possiamo vedere come la pandemia del coronavirus, che ha costretto i parchi a tema, i cinema e i negozi a chiudere, ha fatto precipitare il mercato azionario della Disney (rettangolo blu) e ha toccato terra a 92,71 dollari per azione, un prezzo che non toccava dal 2016.

Da metà marzo, la Disney si è ripresa sul mercato azionario e il 2 giugno è stata scambiata a circa 118 dollari, grazie al supporto della maggior parte degli analisti che seguono il valore e al fatto che i principali fondi di investimento hanno scommesso su Disney.

prezzo di disney azioni

Fonte: Admiral Markets MetaTrader 5 Supreme Edition. Grafico settimanale Disney. Gamma di dati: dal 21 luglio 2013 al 2 giugno 2020. Prodotto il 2 giugno 2020. Si prega di notare che le prestazioni passate non garantiscono le prestazioni future.

5 buone ragioni per fare trading con Azioni Disney

Una volta analizzati i dati fondamentali e i dettagli tecnici, possiamo dedurre 5 buone ragioni per iniziare ad investire in Walt Disney azioni:

1. Le azioni Disney vantano un modello di business altamente diversificato:

  • Merchandising (cartoni animati, Star Wars, Marvel, ecc.)
  • Parchi a tema
  • Film per bambini e adulti
  • Canali TV

2. Le azioni Disney rappresentano una società pioniera nelle nuove tecnologie e sempre al passo con le nuove tendenze di consumo.

3. La società vanta l'acquisizione di grandi franchigie che gli hanno portato grandi incassi al botteghino. L'ultimo capitolo della saga degli Avangers (Endgame) è finora il film più visto nella storia, dopo aver superato Avatar e Titanic.

4. Il gruppo presenta l'introduzione al mercato cinese, con l'apertura di Shanghai Disney, un mercato con grandi potenzialità da sfruttare.

5. Investire in Disney azioni rappresenta l'ingresso in un mercato in crescita, quello delle piattaforme di streaming.

Quali sono i rischi di investire in Disney azioni?

I rischi di investimento in azioni Disney sono i seguenti:

  • Un nuovo forte picco della pandemia di coronavirus, e di conseguenza il ritardo nell'apertura a pieno regime dei suoi parchi a tema e dei suoi cinema, potrebbe seriamente deteriorare i suoi conti, il che distruggerebbe ancora una volta la fiducia nel valore delle sue azioni.
  • Se gli eventi sportivi venissero nuovamente sospesi, anche il loro canale di punta ESPN subirebbe un duro colpo.
  • La buona accoglienza di Disney+, che ha fatto salire il numero degli abbonati, raggiungendo in pochi mesi gli obiettivi della società per i prossimi tre o quattro anni, potrebbe portare la piattaforma di streaming a toccare il prossimo massimo.
  • La sospensione del pagamento del dividendo nel luglio 2020 potrebbe essere estesa al secondo pagamento dell'anno e lasciare gli azionisti senza remunerazione quest'anno.

Come comprare Azioni Disney in borsa?

Per acquistare azioni Disney sul mercato azionario, tutto quello che dovete fare è aprire un conto presso un broker online come Admiral Markets UK Ltd. Aprendo un conto presso Admiral Markets avrai accesso alla piattaforma di trading più popolare e ampiamente utilizzata, MetaTrader 5 (MT5). Una volta aperto un conto demo o reale e scaricato la piattaforma, basta seguire questi passi:

  1. Accedi al tuo conto di trading MetaTrader 5
  2. Nella scheda Market Watch, clicca su Simboli
  3. Digitare DIS nella barra di ricerca
  4. Selezionare Mostra simbolo e poi OK
  5. Il simbolo apparirà nella lista del Market Watch, basta trascinare il simbolo sul grafico.
  6. Ora basterà cliccare sul grafico con il tasto destro del mouse, selezionare Trade e poi Nuovo ordine.
  7. Digitare i parametri desiderati (volume, take profit, stop loss) e cliccare su Buy to Market o Sell to Market.

Grazie a MetaTrader 5 sarai in grado di:

  • Vedere il prezzo delle azioni Disney in tempo reale e la loro evoluzione storica
  • Aprire una posizione di acquisto o di vendita
  • Tracciare e gestire le posizioni in tempo reale
  • Chiudere le posizioni con beneficio o perdita

Avrai anche la possibilità di speculare sull'aumento (acquisto) o sulla diminuzione (vendita allo scoperto) delle azioni attraverso i CFD (contratti per differenza) con pochi click sul conto Trade.MT5.

Se vuoi scaricare MetaTrader 5 gratuitamente, basta cliccare sul pulsante qui sotto:

VAI A METATRADER

Perchè fare trading su Azioni Disney con Admiral Markets?

I CFD azionari permettono al trader di beneficiare della leva finanziaria, uno strumento con il quale possiamo aprire una posizione senza doverne possedere tutto il valore. Tuttavia, bisogna essere consapevoli del fatto che il trading con la leva finanziaria comporta un livello di rischio più elevato e non è adatto a tutti gli investitori perché, così come può moltiplicare i profitti, può anche moltiplicare le perdite.

Puoi investire in Walt Disney azioni tramite i CFD attraverso la piattaforma di trading MetaTrader. In questo modo è possibile sfruttare sia le variazioni verso l'alto che verso il basso, vendendo azioni allo scoperto se si pensa che le azioni Disney perderanno valore.

È possibile aprire un conto reale con Admiral Markets e scegliere lo strumento che si desidera negoziare cliccando sul banner sottostante:

apri un conto di trading per fare trading con disney azioni

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Admiral Markets

Siamo un broker con presenza globale e regolamentato dalle più alte autorità finanziarie. Offriamo l'accesso alle piattaforme di trading più innovative. Negoziamo CFD, azioni e ETF.

Buon Trading!

Admiral Markets

Avvertenza sui rischi: i dati forniti forniscono informazioni aggiuntive rispetto a tutte le analisi, stime, previsioni o altre valutazioni o informazioni simili ("Analisi") pubblicate sul sito web di Admiral Markets. Prima di prendere qualsiasi decisione di investimento, prestare particolare attenzione a quanto segue:

1. Questa è una comunicazione di marketing. Il contenuto è pubblicato a solo scopo informativo e non deve essere interpretato in alcun modo come consiglio o raccomandazione di investimento. Non è stato preparato in conformità con i requisiti legali volti a promuovere l'indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non è soggetto ad alcun divieto di negoziazione prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.

2. Qualsiasi decisione di investimento è presa da ciascun cliente separatamente, mentre Admiral Markets AS (Admiral Markets) non sarà responsabile per qualsiasi perdita o danno derivante da tale decisione, sia che si basi o meno sul contenuto.

3. Per garantire che gli interessi dei clienti siano protetti e l'obiettività dell'Analisi non sia compromessa, Admiral Markets ha stabilito procedure interne rilevanti per la prevenzione e la gestione dei conflitti di interesse.

4. L'analisi è preparata da un analista indipendente sulla base delle sue stime personali.

5. Sebbene sia stato fatto ogni ragionevole sforzo per assicurare che tutte le fonti dell'Analisi siano affidabili e che tutte le informazioni siano presentate, per quanto possibile, in modo comprensibile, tempestivo, accurato e completo, Admiral Markets non garantisce l'accuratezza o la completezza delle informazioni contenute nell'Analisi.

6. Qualsiasi precedente performance o modellizzazione degli strumenti finanziari indicati nella Pubblicazione non deve essere interpretata come promessa, garanzia o implicazione espressa o implicita da parte di Admiral Markets per qualsiasi performance futura. Il valore dello strumento finanziario può aumentare o diminuire e il mantenimento del valore dell'attività non è garantito.

7. I prodotti a leva (compresi i contratti per differenze) sono di natura speculativa e possono determinare perdite o guadagni. Prima di iniziare a fare trading, assicurati di aver compreso appieno i rischi connessi.

8. I prodotti a leva (compresi i contratti per differenze) sono di natura speculativa e possono generare profitti o perdite. Prima di iniziare a fare trading, è necessario assicurarsi di aver compreso tutti i rischi.