Utilizziamo i cookies per offrirti la migliore esperienza possibile sulla nostra pagina web. Continuando la navigazione su questo sito, dai il consenso all`utilizzo dei cookie. Per ulteriori dettagli, tra cui come modificare le proprie preferenze, si prega di leggere Informativa sulla Privacy.
Ulteriori Informazioni Accetto
L` 81% dei conti retail perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. L` 81% dei conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. expand_more

Crollo Borsa: cosa sta succedendo ai mercati e quali sono le cause

Marzo 17, 2020 18:17 UTC

crollo borsa 2020 coronavirus

Poiché il coronavirus sta rallentando l'attività economica in tutto il mondo, i mercati azionari si stanno dirigendo verso un vero e proprio crollo del mercato azionario, che potrebbe portare a una crisi finanziaria nel 2020.

In effetti, i principali indici del mercato azionario statunitense hanno perso più del 20% dal loro ultimo picco nel 2020, l'11 marzo, quello che gli investitori di Wall Street chiamano "mercato degli orsi".

Questo potenzialmente scoraggerà molti investitori ad acquistare e incoraggerà chi vende allo scoperto.

Il calo degli indici di borsa negli Stati Uniti e in Europa non è quindi potenzialmente finito, poiché le misure per fermare l'epidemia di coronavirus si intensificano, portando ulteriori rischi per l'economia globale.

Crollo della borsa - Una definizione

Qual è la definizione di crollodella borsa? Cos'è un crollo del mercato azionario?

Secondo Wikipedia, "un crollo è un improvviso calo del prezzo di una classe di attività, come un mercato finanziario, come risultato di un massiccio afflusso di ordini di vendita".

Un crollo è un "crollo dei prezzi della borsa", secondo il Larousse.

Un crollo del mercato azionario si riferisce quindi a un calo improvviso e generalmente improvviso e inaspettato delle quotazioni di borsa, a seguito di un evento che ha provocato il panico sui mercati finanziari.

Va notato che un crollo si riferisce direttamente al calo delle quotazioni di borsa, mentre un crollo è un termine aeronautico, ma il crollo della borsa è diventato un'espressione comune nel mondo finanziario.

Si distingue tra i mini crash - che sono cali molto rapidi dei prezzi, generalmente seguiti da una ripresa, e causati da problemi tecnici o da errori umani - e i grandi crolli borsistici, che colpiscono tutti i mercati e durano più a lungo.

Questo articolo si concentrerà sulla seconda categoria.

crollo della borsa

Crollo borse: stiamo entrando in una nuova crisi?

Secondo diversi economisti, il rischio di un crollo del mercato azionario nel 2020 era effettivamente considerevole anche prima che il fenomeno coronavirus iniziasse ad affliggere le grandi economie occidentali, e date le attuale condizioni, questa prospettiva si fa sempre più probabile. Un crollo del mercato azionario sarebbe quindi imminente. Secondo alcuni analisti, il crollo borse del mercato azionario di quest'anno sarà più grave di quello del 2008.

In effetti, l'economia mondiale iniziava già a mostrare segni di debolezza nel 2019, in particolare in Europa. Il coronavirus, che si è diffuso rapidamente in Asia e poi in Europa, e ci si aspetta che faccia lo stesso negli Stati Uniti con altrettanta rapidità, ha aggravato la situazione, esponendo le vulnerabilità in vari settori dell'economia globale.

D'altra parte, le banche centrali e i governi hanno organizzato la risposta, ma le reazioni complessive sono state lente a venire e le decisioni iniziali di limitare i danni non sono state accompagnate da misure di sostegno economico abbastanza rapidamente.

Ad esempio, Donald Trump ha annunciato il divieto di recarsi negli Stati Uniti dall'Europa, ma le misure di sostegno economico sono state lente. Ha comunicato solo Domenica 15 un intervento incredibile di quantitative easing in collaborazione con la FED: 700 miliardi.

Nel complesso, la fiducia degli investitori sembra essere fortemente influenzata e gli annunci di misure di stimolo economico sono a malapena sufficienti a stabilizzare i mercati azionari prima che ricomincino a scendere.

Sembra quindi sempre più probabile un nuovo crollo borsa del mercato azionario, potenzialmente grave come quello del 2008 o peggiore. Ciò diventerà sempre più reale man mano che il coronavirus si diffonderà in Europa e negli Stati Uniti.

In effetti, dal 2008 gli indici di borsa hanno registrato un calo di un giorno in più rispetto al 2008. La perdita del 20% dall'ultimo picco è anche un fattore che peserà sul morale degli investitori e incoraggerà i venditori allo scoperto.

stock market crash

Ci troviamo già dentro il prossimo crollo della borsa?

Il crollo del mercato azionario segue le crescenti perdite economiche dovute alla pandemia di coronavirus, mentre l'attività sta subendo un forte rallentamento in quasi tutti i settori dell'economia. Infatti, la chiusura degli impianti in alcune parti del mondo, le quarantene e anche la paura di viaggiare hanno pesato molto sull'economia e quindi sui mercati finanziari, che ne sono molto preoccupati.

Inoltre, i mercati petroliferi sono diminuiti a causa dell'epidemia di coronavirus che ha colpito la domanda di greggio. Le tensioni tra Arabia Saudita e Russia rimangono elevate dopo il mancato raggiungimento di un accordo sui tagli alla produzione di petrolio.

Di conseguenza, l'Arabia Saudita si è impegnata ad aumentare la sua produzione, come ha fatto anche la Russia. Ciò tende ad aggravare lo shock petrolifero, dato che il prezzo del petrolio al barile è sceso di oltre il 30% dopo gli annunci.

Con il persistere delle tensioni internazionali nel mondo e la diffusione del coronavirus, possiamo aspettarci una volatilità continua nei prossimi giorni, che porterà a un altro crollo del mercato azionario nelle prossime settimane.

Come muoversi in caso di crollo borsa?

Un crollo borse del mercato azionario è il risultato del panico e della paura nei mercati finanziari. Lo stock market crash è caratterizzato da una forte avversione al rischio.

I meccanismi di mercato osservati durante le normali piccole fasi di avversione al rischio rimangono sostanzialmente invariati durante i crolli dei mercati azionari.

Durante queste fasi, gli investitori cercano di vendere attività "rischiose" a favore di attività come i beni rifugio. Entriamo in modalità risk-off.

In genere, gli investitori vendono gli indici del mercato azionario e acquistano obbligazioni e oro. Con Admiral Markets, è possibile negoziare CFD su indici, obbligazioni e materie prime come l'oro.

È approfittando di queste fasi di panico che alcuni speculatori guadagnano molto denaro in fretta, seguendo questo modello di vendita di strumenti a rischio e di acquisto di beni rifugio.

Nel Forex ci sono anche le cosiddette valute ad alto rendimento (rischiose) e altri rifugi sicuri. Mentre l'AUD e il NZD (high yield) diminuiranno in generale nella fase di estinzione del rischio, i paradisi sicuri come JPY e CHF aumenteranno. Il contrario rimane vero nelle fasi di fiducia e di appetito di rischio.

Tuttavia, si noti che nel Forex, il JPY è la valuta più reattiva al sentimento di rischio.

Come investire nello stock market crash dovuto al coronavirus?

Che tu sia trader a breve termine o investitore a lungo termine, la volatilità dei mercati azionari rimane un fattore di rischio, ma offre anche molte opportunità.

  • Gli investitori a lungo termine hanno chiaramente una grande opportunità di rafforzare il proprio portafoglio azionario a prezzi molto più interessanti. Dopo un rally decennale del mercato azionario, molti investitori aspettavano una correzione al ribasso per acquistare di nuovo. Se non sei ancora detentore di azioni e desideri investire in azioni a medio e lungo termine, questo è probabilmente il momento giusto per farlo. Il CAC 40 ha perso più del 23% e il Dow Jones più del 18% dal 24 febbraio. Apri subito un conto di trading di azioni e di ETF e seleziona le azioni che vuoi acquistare e mantener per approfittare del futuro rimbalzo dei mercati azionari. Questa strategia può essere particolarmente gratificante e relativamente meno rischiosa, poiché l'impatto del coronavirus può durare solo pochi mesi.
  • I trader a breve termine possono approfittare dei movimenti di mercato a breve termine, approfittando sia dei movimenti al rialzo che di quelli al ribasso nella sessione e nei mercati a breve termine. Questo può essere particolarmente interessante, ad esempio, alzando le principali soglie dei grafici e dei trader a breve termine. Tuttavia, fate attenzione a controllare la leva finanziaria e rispettate una buona gestione del denaro in questi periodi di elevata volatilità. Il trading su unità di tempo più lunghe del solito (30 minuti e un'ora per esempio) e il passaggio a indici di mercato azionario leggermente meno volatili, come il CAC 40, può aiutare i meno esperti a ridurre il rischio. Apri un conto di trading per iniziare a negoziare gli indici del mercato azionario e l'impatto del coronavirus sul mercato azionario.
  • Una strategia mista, e forse la migliore per chi vuole sfruttare al meglio l'attuale fase del mercato azionario senza correre troppi rischi, può essere quella di tenere un investimento a lungo termine meno rischioso, e praticare il trading a breve termine per cercare di massimizzare i profitti, assumendo un po' più di rischio. A seconda del tuo livello di propensione al rischio, potresti scegliere di investire di più in entrambe le forme di investimento. Ciò è particolarmente facile con Admiral Markets, che offre conti pensati ad hoc per investimento tradizionale e trading in azioni e in ETF o CFD vari.

crollo borse 2020

Crollo Borsa: quando finirà il crollo dei mercati dovuto al COVID-19?

La domanda che molti investitori si pongono ora è quando i mercati azionari mondiali, con Wall Street e l'Europa in testa, saranno in grado di rialzarsi e far cambiare la tendenza. Un indizio può essere dato da ciò che è successo in Cina. Lì, misure drastiche hanno ostacolato l'attività per un periodo di tempo, ma l'epidemia di coronavirus alla fine ha rallentato e l'attività si è gradualmente ripresa. Il mercato azionario cinese ha seguito la tendenza, rimbalzando mentre il coronavirus raggiungeva il suo apice.

Nel resto del mondo l'epidemia si sta ancora diffondendo e gli investitori stanno lottando per vedere la fine del coronavirus. Rimangono dei periodi di sollievo, compresi gli annunci di sostegno alle politiche, come il taglio delle tariffe della Fed e il piano di sostegno segnalato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Ma questo riesce a malapena a stabilizzare il calo degli indici di borsa prima che la caduta riprenda.

In effetti, gli investitori hanno probabilmente bisogno di visibilità, e di notare che il coronavirus sta iniziando a rallentare anche in Europa e negli Stati Uniti. Questo potrebbe dare loro la fiducia di cui hanno bisogno per tornare in massa sui mercati azionari.

Nel frattempo, gli indici di borsa potrebbero continuare a scendere ulteriormente, anche se non si può escludere una stabilizzazione con il sostegno delle politiche fiscali e monetarie.

La storia del Crollo Borse

Quali sono i principali crolli del mercato azionario nella storia?

Crollo Borsa del 1929

Crollo borsa del mercato azionario nel 1929: diamo una semplice spiegazione e facciamo un breve riassunto.

Il crollo del mercato azionario del 1929 è il più famoso della storia e il primo crollo della borsa del mercato azionario. Lo scontro iniziò il 24 ottobre nel "Giovedì Nero", segnando l'inizio della Grande Depressione e della crisi del 1929 che colpì l'intera economia americana e mondiale (di seguito).

Perché il mercato azionario del 1929 è crollato? Il motivo del crollo della borsa del 1929 fu una bolla speculativa alimentata dal sistema di acquisto di azioni a credito introdotto nei primi anni venti negli Stati Uniti.

Il crollo del 1929 causò il crollo dell'intero mercato azionario nei 3 anni successivi, poi la crisi si estese all'economia reale, provocando una lunga e profonda depressione economica negli anni '30.

La crisi di Wall Street del 1929 e il crollo della borsa del 1929 hanno avuto conseguenze per l'intera economia.

L'economia ha iniziato a riprendersi all'alba della seconda guerra mondiale nei primi anni Quaranta. La corsa agli armamenti diede infatti una spinta all'economia e ai mercati finanziari.

crollo borsa 2020 coronavirus

Crollo Borse del 2000

Il crollo del mercato azionario del 2000, o il crollo del mercato azionario della bolla Internet, è iniziato nell'aprile del 2000 ed è durato 3 anni.

La fine degli anni Novanta è stata un periodo molto prospero per i mercati azionari, in particolare dopo la bolla Internet del 1999 e del 2000. Ad esempio, l'indice tecnologico del Nasdaq è quintuplicato dal 1998 al suo picco nel marzo 2000.

Il rallentamento è iniziato nell'aprile 2000 dopo l'IPO di Wanadoo e le battute d'arresto finanziarie di Global Crossing, ma il vero crollo è iniziato un po' più tardi, verso la fine del 2000, per poi accelerare con un crollo della borsa nel 2001, rafforzato dagli attentati dell'11 settembre 2001.

Il crollo del mercato azionario e la crisi della bolla Internet del 2000 si sono conclusi nel 2003, con un rimbalzo dei mercati finanziari a partire da marzo.

Stock Market Crash del 2008

Il crollo del mercato azionario del 2008, seguito allo scoppio della bolla immobiliare statunitense del 2007, è meglio conosciuto come crisi dei subprime.

Mentre i mercati azionari hanno iniziato il loro ciclo discendente nel 2007, il fallimento della banca d'investimento Lehman Brothers ha annunciato lunedì 15 settembre 2008 ha accelerato il crollo del mercato azionario di Wall Street del 2008, ma è stato solo lunedì 6 ottobre 2008 che il grande crollo è iniziato, preannunciando l'inizio della crisi del mercato azionario del 2008.

La bolla del mercato immobiliare si è formata a causa dei prestiti non garantiti e delle famiglie non garantite, che hanno alimentato la domanda. Tuttavia, dopo l'aumento dei tassi di interesse della Fed nel 2005, che ha aumentato il costo del rimborso dei prestiti, le inadempienze hanno cominciato a crescere rapidamente, raggiungendo il 15% nel 2007.

La crisi immobiliare ha poi iniziato a prendere piede e i prezzi sono gradualmente diminuiti, causando una serie di fallimenti di istituti di credito e fondi di investimento.

La crisi dei subprime e il crollo del 2008 si sono poi rapidamente diffusi nel resto del mondo, in gran parte a causa dei meccanismi di cartolarizzazione, con i quali i prestiti non rimborsabili negli Stati Uniti sono finiti nelle mani delle istituzioni finanziarie di tutto il mondo.

crollo borsa petrolio crollo borse 2020

Il crollo finanziario del 2008 ha colpito, direttamente o indirettamente, l'intera economia mondiale, in quasi tutti i settori.

La crisi del 2008 ha anche causato la crisi del debito e il crollo dei mercati azionari del 2011, a causa dei grandi sforzi di spesa pubblica compiuti dai governi per salvare le banche e le istituzioni finanziarie.

Oltre a queste grandi crisi spesso citate, noteremo alcuni altri arket crash che hanno lasciato il segno, come ad esempio :

Market Crash dei Tulipani

Il crollo borse dei tulipani è stato il primo crollo del mercato azionario. La crisi dei tulipani avvenne nel febbraio del 1637 in Olanda, in seguito a una bolla speculativa dei prezzi dei tulipani (chiamata anche tulipomania), un fiore arrivato da Costantinopoli qualche anno prima, molto apprezzato dalle classi borghesi e aristocratiche europee.

Ben presto, le promesse di vendere bulbi di tulipani tramite contratti a termine superarono le quantità disponibili, e i prezzi crollarono nel 1637. All'altezza della bolla del tulipano, un bulbo era scambiato ad un importo equivalente a 20 volte il salario annuo di un lavoratore.

L'impatto di questo schianto di tulipano divide gli storici. Secondo alcuni, ne è seguita una grave crisi economica, mentre altri riferiscono che l'impatto fu stato piuttosto moderato.

Crollo dei mercati del 1973

Il crollo del mercato azionario del 1973, noto anche come primo market crash petrolifero, ha rappresentato la fine dei Gloriosi Trent'anni, i 30 anni di crescita economica e di piena occupazione che seguirono dopo la seconda guerra mondiale.

Il crollo del 1973 è uno dei pochi che non ha avuto la sua genesi nello scoppio di una bolla speculativa. In effetti, la crisi del 1973 è iniziata con il forte aumento del prezzo del petrolio da 3 dollari nell'ottobre 1973 a 12 dollari nel marzo 1974, a causa dell'embargo imposto dai Paesi arabi produttori di petrolio contro gli alleati di Israele dopo la guerra dello Yom Kippur. Questo embargo ha aggravato una situazione già fragile del mercato petrolifero, dopo il picco di produzione negli Stati Uniti e l'abbandono degli accordi di Bretton-Woods nel 1971.

Il forte aumento del prezzo del petrolio stava soffocando l'economia mondiale, che entrò quindi in recessione. Le conseguenze dello shock petrolifero del 1973 si sono fatte sentire sull'economia mondiale fino al 1978.

Un secondo crash market petrolifero si è verificato nel 1979, a causa della rivoluzione iraniana e dell'interruzione delle esportazioni di petrolio da parte del paese per quattro mesi. I prezzi del petrolio sono rapidamente saliti da circa 17 a 35 dollari, ostacolando la fragile ripresa economica globale.

stock market crash crollo borsa 2020

Stock Market Crash del 1987

Il crollo del 1987 iniziò il lunedì nero del 19 ottobre 1987, uno dei giorni peggiori di Wall Street, accanto al giovedì nero del 24 ottobre 1929 e al crollo di Wall Street del 1929. In quel lunedì nero, il Dow Jones ha perso il 22,6% del suo valore in una sola sessione, battendo il precedente record del 1929 (-12,6%). Altrove nel mondo, la Borsa di Parigi ha perso il 9,7%, la Borsa di Londra è scesa del 26% e c'è stato un vertiginoso calo del 46% a Hong Kong.

La crisi del 1987 seguì una bolla speculativa delle azioni, che era cresciuta quasi ininterrottamente nei cinque anni precedenti sotto Reagan e la sua rivoluzione liberale. Il punto di partenza del crollo del mercato azionario del 1978 è stata la pubblicazione del deficit commerciale statunitense, che continuava a crescere.

Il crollo di Wall Street del 1978 è stato il primo in cui sono stati coinvolti computer e sistemi di trading automatico. I robot hanno venduto in massa dopo l'inizio del declino, alimentando ulteriormente il calo delle scorte.

Tuttavia, il panico del mercato azionario del 1978 si è verificato in un prospero contesto economico globale, che ha contribuito ad arginare l'onda d'urto. L'economia reale non ne ha risentito molto. Ciò è dovuto anche ad una risposta rapida ed efficace da parte della Fed.

Crollo borsa del 2011

Come il primo e il secondo market crash petrolifero del 1973 e del 1979, anche il crollo del 2011 non segue lo scoppio di una bolla speculativa. Il difficile contesto economico e finanziario dopo la crisi dei mercati azionari del 2008 è in gran parte all'origine di questo periodo di calo dei mercati azionari nell'estate del 2011.

I Paesi nordici stavano registrando disavanzi pubblici elevati a seguito della crisi economica del 2008 e il ritorno della crescita rimaneva estremamente fragile all'inizio dell'estate 2011. In questo difficile contesto, questioni come la crisi del debito greco e la sua possibile uscita dall'euro, il rischio di fallimento di alcune banche, le voci sul debito spagnolo e l'annuncio di elezioni anticipate, i declassamenti dei rating di diversi paesi, il susseguirsi di piani di austerità e i deludenti dati economici in Europa e negli Stati Uniti, stavano ulteriormente aggravando la situazione.

La fiducia degli investitori ebbe un brutto colpo, e questo si vide riflesso nei prezzi del mercato azionario.

crollo dei mercati 2020 coronavirus crollo borsa

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Admiral Markets

Siamo un broker con presenza globale e regolamentato dalle più alte autorità finanziarie. Offriamo l'accesso alle piattaforme di trading più innovative. Negoziamo CFD, azioni e ETF.

Buon Trading!

Questo materiale non contiene e non deve essere interpretato come contenente consulenza in materia di investimenti, raccomandazioni di investimento, offerta o una sollecitazione per qualsiasi operazione su strumenti finanziari. Si prega di notare che tale analisi di trading non è un indicatore affidabile per qualsiasi performance attuale o futura, in quanto le circostanze possono cambiare nel tempo. Prima di prendere qualsiasi decisione d'investimento, è necessario chiedere il parere di consulenti finanziari indipendenti per assicurarsi di averne compreso i rischi.