Dovrei investire in azioni Deliveroo?

Maggio 31, 2021 13:10 Europe/Rome
Tempo di lettura: 10 minuti

L'IPO di Deliveroo è stato un evento molto atteso dalla Borsa di Londra, rappresentando quest'anno la sua più grande quotazione pubblica. Tuttavia, Deliveroo ha vissuto una delle peggiori IPO della storia recente.

In questo articolo, daremo un'occhiata alla società, esamineremo perché l'IPO non ha avuto successo e valuteremo se comprare azioni Deliveroo è una buona idea.

azioni deliveroo

Cos’è Deliveroo?

Deliveroo è una società di consegne di cibo online che è stata fondata in Inghilterra nel 2013. Oltre ad operare in tutto il Regno Unito, opera anche in diverse nazioni dell'UE, Australia, Singapore, Hong Kong, Emirati Arabi Uniti e Kuwait.

I clienti possono fare gli ordini attraverso il sito web di Deliveroo o l'applicazione per il cellulare dai ristoranti che sono in partnership con la società di consegna. Gli ordini vengono poi consegnati ai clienti da corrieri in bicicletta o in moto.

Deliveroo guadagna facendo pagare ai ristoranti una commissione per l'ordine e facendo pagare ai clienti una tassa per il servizio.

Come si è comportata l'IPO di Deliveroo?

Dopo i successi del primo giorno di altre Offerte pubbliche Iniziali (IPO) tecnologiche, come DoorDash e Airbnb, alcuni potrebbero aver previsto una performance simile per l'IPO di Deliveroo.

Tuttavia, questo non è avvenuto. Dopo essere stato inizialmente valutato a 390 GBX, il prezzo delle azioni di Deliveroo è sceso di quasi il 30% nel suo primo giorno alla Borsa di Londra, chiudendo la sessione a circa 287 GBX per azione.

Questa caduta ha cancellato 2 miliardi di sterline dal valore di 7,6 miliardi di sterline a cui Deliveroo era stato quotato quella mattina.

Tutto questo nonostante Goldman Sachs abbia riferito di aver comprato 75 milioni di sterline di azioni, nel vano tentativo di stabilizzare il prezzo delle azioni.

deliveroo chart

 Raffigurato: TradingView - Grafico dei prezzi di Deliveroo. Intervallo di date: 31 marzo 2021 - 13 aprile 2021. Data di acquisizione: 13 aprile 2021. La performance passata non è necessariamente un'indicazione della performance futura. 

Perché il prezzo delle azioni di Deliveroo è sceso? 

Anche se c'era una notevole anticipazione nella corsa all'IPO di Deliveroo, ci sono state anche preoccupazioni sollevate pubblicamente da investitori di alto profilo sulla prospettiva di acquistare azioni di Deliveroo.

Possiamo identificare due ragioni chiave dietro la mancanza di supporto per le azioni Deliveroo che ha portato ad un calo del prezzo; i registri finanziari della società e le condizioni occupazionali dei suoi lavoratori.

Registri finanziari

Dopo otto anni, Deliveroo deve ancora diventare una società redditizia, facendo perdite di 230,7 milioni di sterline, 318,1 milioni di sterline e 223,1 milioni di sterline rispettivamente nel 2018, 2019 e 2020, secondo il loro prospetto IPO.

Di particolare preoccupazione per i potenziali investitori è stato il fatto che nel 2020, le condizioni sembravano ideali per Deliveroo: il lockdown significava nessuna concorrenza da parte dei ristoranti, una domanda alle stelle per la consegna di cibo a domicilio e un aumento dei lavoratori occasionali per l'azienda. 

Le cose sono andate bene per Deliveroo durante la pandemia. Eppure, l'azienda non è riuscita a realizzare profitti. Questo ha portato molti a porsi la domanda: se Deliveroo non è stata in grado di realizzare profitto in un anno in cui le circostanze per il suo particolare modello di business erano ideali, lo raggiungerà mai?

Diritti dei lavoratori

Il secondo fattore dietro al calo del prezzo delle azioni Deliveroo è la condizione occupazionale e i diritti dei loro lavoratori. Deliveroo considera i suoi rider come collaboratori indipendenti, il che significa che l'azienda non è obbligata a pagare loro il salario minimo legale o a fornire loro un'indennità di malattia o di vacanza.

C'è un crescente sentimento pubblico che auspica che Deliveroo tratti i suoi lavoratori come dipendenti e fornisca loro i suddetti benefici occupazionali. 

Le decisioni degli investitori sono sempre più guidate da criteri ESG (ambientali, sociali e di governance). In poche parole, molti investitori sono stati dissuasi dall'acquistare azioni Deliveroo a causa delle preoccupazioni sui diritti dei lavoratori.

Deliveroo ha evidenziato nel prospetto dell'IPO che il suo business "sarebbe influenzato negativamente se il nostro modello di rider o l'approccio allo status di rider...fossero contestati con successo o se i cambiamenti nella legge ci richiedessero di riclassificare i nostri rider come dipendenti". Continua affermando che è infatti attualmente impegnata in procedimenti legali riguardanti lo status occupazionale dei suoi lavoratori in diversi paesi in cui opera.

La questione dei diritti dei lavoratori è stata rafforzata dalla sentenza della Corte Suprema di febbraio che ha stabilito che Uber ha classificato erroneamente la condizione lavorativa dei suoi autisti. Questa sentenza ha portato l'azienda a pagare ai suoi autisti un salario minimo garantito, la retribuzione delle ferie e benefici pensionistici. Anche se, curiosamente, questa sentenza non si è estesa a Uber Eats, il comparto delle consegne di cibo dell'azienda.

Preoccupazioni ESG a parte, Deliveroo deve ancora realizzare profitto. Se dovesse essere costretta a riclassificare i suoi rider come dipendenti, questo avrebbe un grande impatto negativo sulle sue finanze e ritarderebbe ulteriormente la sua strada verso la redditività.

Chi sono i maggiori investitori di Deliveroo?

Mentre la stampa ha dedicato molta attenzione ai gestori di fondi che consigliavano di non aggiungere le azioni di Deliveroo ai loro portafogli, meno attenzione è stata data agli investitori di alto profilo che già detenevano quote significative nell'azienda dai cicli di finanziamento pre-IPO.

In particolare, il gigante tecnologico statunitense Amazon detiene una partecipazione significativa nella società. Anche se si è separato da circa 23,3 milioni di azioni nell'IPO, Amazon detiene ancora l'11,5% del totale delle azioni Deliveroo in circolazione.

Index Ventures, DST Global e Greenoaks Capital sono altri azionisti di rilievo che singolarmente hanno venduto circa 15 milioni di azioni durante l'IPO, e che, tuttavia, ancora mantengono rispettivamente il 7,5%, 7,4% e 6,6% delle azioni in circolazione di Deliveroo.

Rowe Price e Fidelity Management, che non hanno venduto alcuna azione nell'IPO di Deliveroo, detengono anche quote considerevoli, rappresentando rispettivamente il 6,5% e il 5,9% del totale delle azioni in circolazione.

Dovrei comprare azioni Deliveroo?

Alla fine della giornata, questa è una domanda a cui ogni lettore deve rispondere, a seconda dei suoi obiettivi di investimento e del suo profilo.

Ci siamo concentrati prima su uno dei principali ostacoli al futuro successo di Deliveroo, i diritti dei lavoratori. Un altro problema è l'alto livello di concorrenza che devono affrontare nel settore della consegna del cibo. Solo nel Regno Unito, Deliveroo compete direttamente con Just Eat e Uber Eats, che rappresentano entrambi una grande fetta del comparto.

Tuttavia, ci sono anche aspetti positivi da considerare. In soli otto anni, il fondatore di Deliveroo, Will Shu, ha fatto crescere un business dal nulla in un'impresa internazionale, che opera in 12 paesi diversi con 115.000 commercianti di alimenti e oltre 100.000 clienti.

Va anche notato che, nonostante le perdite della società, la sua crescita delle vendite è impressionante, con un fatturato totale che passa da 476,2 milioni di sterline nel 2018 a 1,19 miliardi di sterline nel 2020.

Investi in azioni ed ETF con Admirals

Con un conto Invest.MT5 di Admirals (ex Admiral Markets), gli investitori possono acquistare azioni e Exchange-Traded Funds (ETF) da 15 delle principali borse del mondo!

Segui questi passaggi per aprire un conto oggi stesso:

  • Registrati con Admirals
  • Accedi all’account della tua Trader’s Room 
  • Clicca sul pulsante “Apri un account Live”
  • Completa i moduli con le informazioni richieste che includono i tuoi dati di contatto, le informazioni fiscali e il numero di passaporto
  • Verifica la tua identità caricando i documenti richiesti

Una volta che hai completato e inviato la tua domanda, questa verrà esaminata da Admirals e ti verrà notificato l'esito via email. Se la tua domanda ha successo, riceverai anche i dettagli del tuo account live via email.

Oltre ad essere in grado di investire in oltre 4.300 azioni individuali e oltre 200 ETF, gli utenti di un conto Invest.MT5 beneficeranno di:

  • Aprire un conto con un deposito minimo di solo 1 euro
  • Utilizzo della piattaforma di trading multi-asset numero uno al mondo, MetaTrader 5
  • Accesso esclusivo al nostro nuovo strumento all'avanguardia, Premium Analytics

 

Per saperne di più e aprire un conto oggi, clicca il banner qui sotto!

Metatrader 5

Admirals

Admirals è un broker pluripremiato e regolamentato che opera sul Forex e sui CFD e ti offre l’opportunità di negoziare su oltre 8.000 strumenti finanziari attraverso le piattaforme di trading più popolari al mondo: MetaTrader 4 e MetaTrader 5. Inizia oggi il trading!

INFORMAZIONI SUL MATERIALE ANALITICO:

I dati forniti forniscono informazioni aggiuntive riguardanti tutte le analisi, stime, prognosi, previsioni, revisioni di mercato, prospettive settimanali o altre valutazioni o informazioni simili (di seguito "Analisi") pubblicate sui siti web delle società di investimento Admiral Markets che operano sotto il marchio Admiral Markets (di seguito "Admiral Markets") Prima di prendere qualsiasi decisione di investimento si prega di prestare molta attenzione a quanto segue:

  • Questa è una comunicazione di marketing. Il contenuto è pubblicato a solo scopo informativo e non deve in alcun modo essere interpretato come consiglio o raccomandazione d'investimento. Non è stato preparato in conformità con i requisiti legali volti a promuovere l'indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non è soggetto ad alcun divieto di negoziazione prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.
  • Ogni decisione di investimento è presa da ogni cliente da solo, Admirals Markets non è responsabile per qualsiasi perdita o danno derivante da qualsiasi decisione, basata o meno sul contenuto.
  • Per garantire che gli interessi dei clienti siano protetti e l'obiettività dell'Analisi non sia compromessa, Admirals Markets ha stabilito procedure interne rilevanti per la prevenzione e la gestione dei conflitti di interesse.
  • L'analisi è preparata da un analista indipendente (Roberto Rivero) sulla base delle sue stime personali.
  • Sebbene sia stato fatto ogni ragionevole sforzo per assicurare che tutte le fonti dell'Analisi siano affidabili e che tutte le informazioni siano presentate, per quanto possibile, in modo comprensibile, tempestivo, accurato e completo, Admirals Markets non garantisce l'accuratezza o la completezza delle informazioni contenute nell'Analisi.
  • Qualsiasi precedente performance o modellizzazione degli strumenti finanziari indicati nella Pubblicazione non deve essere interpretata come promessa, garanzia o implicazione espressa o implicita da parte di Admirals Markets per qualsiasi performance futura. Il valore dello strumento finanziario può aumentare o diminuire e il mantenimento del valore dell'attività non è garantito.
  • I prodotti a leva (compresi i contratti per differenze) sono di natura speculativa e possono determinare perdite o guadagni. Prima di iniziare a fare trading, assicurati di aver compreso appieno i rischi connessi.

 

 

Elisa Vestri
Elisa Vestri
Traduttrice e Seo per Admirals Italia

Elisa ha tradotto e scritto per 14 anni articoli sui mercati finanziari e il Forex trading. Laureata in Scienze Politiche e con un Master in Traduzione economico-finanziaria.