Il 76% dei conti retail perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 76% dei conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Admiral Markets Group si compone delle seguenti aziende:

Admiral Markets Pty Ltd

Regolamentata dalla Australian Securities and Investments Commission (ASIC)
Sito disponibile solo in inglese
CONTINUA

Admiral Markets Cyprus Ltd

Regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (CySEC)
CONTINUA

Admiral Markets UK Ltd

Regolamentato dalla Financial Conduct Authority (FCA)
CONTINUA
Attenzione:Se si chiude questa finestra senza scegliere una compagnia si accetta di procedere con la regolamentazione FCA (UK).
Attenzione:Se si chiude questa finestra senza scegliere una compagnia si accetta di procedere con la regolamentazione FCA (UK).
Regolatore CySEC fca

Che cos'é il Quantitative Easing

Questa guida dettagliata approfondirà nel dettaglio l'argomento del Quantitative Easing. Discuterà cos'é il Quantitative Easing, le economie e le loro differenze, come individuare una crisi finanziaria e come combatterla, le critiche al Quantitative Easing, l'impatto del Quantitative Easing sui mercati valutari e molto altro ancora!

Quantitative Easing cos'è

Introduzione alla Quantitative Easing

Il mondo della finanza e dell'economia può sembrare strano e complicato a chi é impreparato su questi temi. La terminologia confusa e la logica un po' dubbia delle teorie economiche rendono facile perdersi nelle spiegazioni anche delle cose più semplici. Il quantitative easing è una di quelle cose, e qui sotto troverai tutto quello che dovete sapere per capirlo. Ti spiegheremo cos'è il quantitative easing, perché è stato creato e, cosa più importante, come può riflettere le tue attività di trading e i tuoi grafici.

In primo luogo, un piccolo disclaimer: è importante capire che la scienza economica è un mondo di modelli teorici.

Ci sono solo dati empirici ricevuti dall'osservazione di eventi reali, piuttosto che esperimenti controllati. Quello che gli economisti fanno con i dati è creare modelli economici che spieghino i dati, nella speranza che questi modelli possano essere usati per predire il futuro. Con l'arrivo di nuovi dati, si suggeriscono teorie più recenti. Le affermazioni che seguono non sono regole di comportamento delle economie, ma piuttosto modelli che descrivono le economie al meglio delle loro capacità, con i dati disponibili fino a questo punto.

Quantitative Easing cos'é:

Il Quantitative Easing è una politica monetaria che prevede che una banca centrale acquisti determinati importi di obbligazioni governative e altri tipi di attività finanziarie allo scopo di aumentare i livelli di liquidità e, in generale, di rafforzare l'economia. Può anche riferirsi al processo di una banca centrale che introduce nuova moneta nella massa monetaria di un'economia.

Quantitative easing - La crescita dell'economia

Fondamentalmente, ci sono due tipi di economie: quelle in via di sviluppo e quelle sviluppate. Entrambi i tipi devono crescere ad un ritmo più o meno costante. Se un'economia smette di crescere, o se il suo tasso di crescita rallenta, entra in stagnazione o addirittura in recessione. A meno che l'economia non stia crescendo ad un ritmo costante o in aumento, di fatto è in recessione. La differenza tra economie in via di sviluppo e sviluppate sta proprio nel ritmo di crescita.

Le economie sviluppate, come gli Stati Uniti, il Regno Unito, il Giappone e la Germania, considerano un aumento del PIL annuo del 2% come un dato positivo. Le economie in via di sviluppo come il Brasile, la Russia, l'India e la Cina, noti anche come paesi BRIC, sono considerati benestanti quando crescono a circa il 6-8% del PIL. Ora, immagina di essere il governo di un paese promettente. Il compito a portata di mano è quello di far crescere la tua economia a un tasso di crescita stabile. Che cosa ci vuole?

Quantitative easing - Produzione di energia

La prima cosa è un aumento della produzione di energia. Il tuo paese ha bisogno di produrre di più per soddisfare la crescente domanda della popolazione. Questo può essere ottenuto in due modi diversi - attraverso un aumento della quantità di lavoratori o un aumento della loro efficienza. Ad esempio, c'è un solo agricoltore che lavora la propria terra con un aratro. Mentre questo può funzionare per l'agricoltore, il governo può fare di meglio.

Tu, come governo, puoi spendere parte del bilancio statale e far crescere l'industria agricola nella tua economia di cento volte, sia impiegando altri 99 lavoratori con aratri, o fornendo macchinari all'avanguardia che eseguiranno tutto il lavoro, e, naturalmente, dovrai addestrare l'agricoltore ad usare i macchinari.

Ci sono alcune cose importanti da notare qui. In primo luogo, la produzione nella tua economia in crescita è di fatto aumentata, ma per continuare ad aumentare a un ritmo costante, è necessario continuare ad aggiungere macchinari, o lavoratori con aratri a un ritmo in costante aumento.

In secondo luogo, l'aggiunta di lavoratori è di solito il caso delle economie in via di sviluppo che hanno accesso a una grande quantità di manodopera sia ora che in un futuro prevedibile, come l'India o la Cina, per esempio. Le economie sviluppate, come gli Stati Uniti o la Germania, a causa dei bassi tassi di crescita demografica e degli alti livelli di istruzione e tecnologia, preferiscono fornire macchinari. Come un'economia matura dallo sviluppo ad un'economia sviluppata, il progresso tecnologico diventa il suo unico modo per aumentare la produzione con la velocità desiderata.

Quantitative easing - Investimento economico

Teniamo anche a mente che la terra coltivata nel tuo paese è una risorsa finita, così come lo è la resa agricola. Quindi, per sostenere la crescita della tua potenza produttiva hai bisogno del secondo elemento: i progressi tecnologici. Il terzo elemento della lista è l'investimento e questo è importante. La tua economia ha bisogno di denaro, perché, come avrete capito, sia i lavoratori con gli aratri, sia i lavoratori con i macchinari all'avanguardi hanno bisogno di denaro per iniziare a lavorare e per continuare a lavorare.

Ciò significa che anche il finanziamento della tua economia in crescita deve crescere a un tasso di crescita costante. Ti trovate di fronte a un problema - dove ottenete tutti i soldi per finanziare la tua economia in crescita a questo tasso sempre crescente che è necessario? La risposta è semplice: si crea un sistema bancario con una grande banca centrale. Ora che hai una banca centrale, può stamparti tutti i soldi che puoidesiderare, ma non li riceverai direttamente.

Lo riceverai attraverso una rete di banche private. Ecco come funziona. Crei quelli che vengono chiamati 'titoli di Stato' - un'unità di debito nazionale. Poi si organizza un'asta in cui si invitano le banche più piccole ad acquistare le obbligazioni. Le banche saranno felici di acquistare questi titoli, perché essendo tu il governo, sei considerato un debitore affidabile, per non parlare del fatto che prometti di pagare profumatamente le banche per mantenere il tuo debito.

quantitative easing come funziona

Ora, le banche private possono tenere il tuo debito fino a quando non avrai ripagato tutto, oppure possono andare alla banca centrale e cambiare il tuo debito con il denaro reale. Questo è il modo in cui si ottiene il denaro, mentre la banca centrale riceve una banconota da te (lo stato) che dice che glielo devi, e la parte interessante di questo è che si può dovere quanto si desidera. In questo modo, crei simultaneamente denaro e debito nella tua economia, e puoi farlo più e più volte.

Quantitative easing - Creare moneta, inflazione e deflazione

Dimentichiamo per un attimo il debito e concentriamoci a finanziare la tua crescita economica con il denaro appena creato. Scopri subito che c'è un problema con la creazione di denaro. Più denaro si crea, più denaro c'è, e quindi meno valore si mantiene. La domanda e l'offerta di base è al lavoro qui. Il processo di aumento dell'offerta di moneta nella tua economia si chiama inflazione. Ora vuoi che la tua economia continui a crescere, così la tua banca centrale continua a stampare denaro per te, ma solo ad un tasso costante.

Le economie cercano di mantenere l'inflazione ad un livello ottimale per la loro crescita. Di solito, varia tra il 2% e il 5% all'anno. Tutto ciò che è inferiore al 2% è considerato una deflazione, ed è pericoloso, perché potrebbe rallentare la crescita economica quel tanto che basta per avere una crisi economica nel piatto. Se non c'è abbastanza moneta in circolazione perché la tua gente paghi per i prodotti che la tua economia produce, le imprese si adeguano, la produzione rallenta, e prima che tu te ne accorga, il 30% della popolazione del tuo paese è disoccupata e affamata, tutto perché hai permesso che la massa monetaria diminuisse solo di qualche punto percentuale.

Quindi abbiamo capito che la bassa inflazione è un male. Che dire dell'alta inflazione? Un'inflazione superiore al 7-10% viene chiamata iperinflazione ed è altrettanto pericolosa, in quanto invita ad un altro tipo di crisi. Se si crea denaro troppo in fretta, si mangia il suo stesso valore e si finisce per avere più denaro contante che può comprare meno cose. L'iperinflazione nella Repubblica di Weimar - l'odierna Germania - nel 1921 ha reso i marchi di carta tedeschi così inutili e così abbondanti che i tedeschi li hanno bruciati nelle loro stufe per il combustibile.

Quantitative easing - Come introdurre nuovi soldi nell'economia

Una volta individuato un tasso di inflazione ottimale per la tua economia, fissa un obiettivo per la tua banca centrale. Ad esempio, l'inflazione annua del 3% è la soluzione migliore per te. La banca centrale ha alcuni modi per aggiungere denaro contante in circolazione nell'economia - ed entrambi sono indiretti. In primo luogo, può prestare denaro al governo, e poi il governo può introdurre questo denaro nell'economia attraverso metodi come la spesa per la costruzione di strade, per esempio. Questa è chiamata "spesa di bilancio".

In secondo luogo, la banca centrale può prestare denaro a banche più piccole, che lo prestano di nuovo a persone o imprese, in modo da far circolare il denaro attraverso l'economia. La seconda opzione è un processo un po' più complicato, dato che le banche private hanno i loro interessi economici in mente, e se trovano che prendere in prestito denaro dalla banca centrale non sia finanziariamente redditizio per loro, ovviamente non lo prenderanno in considerazione. Allo stesso modo, se le banche non trovano redditizio prestare denaro a persone e imprese, non lo faranno neanche loro.

Questo è uno dei principali modi in cui il denaro può scomparire dalla circolazione. Quindi, come può la tua banca centrale tentare le banche private a prendere in prestito denaro da esse? Modificando i tassi d'interesse. Tassi di interesse bassi significano pagamenti più bassi da una banca privata alla banca centrale per prendere in prestito una valuta e viceversa. Quindi, in parole povere, i bassi tassi d'interesse si traducono in un maggiore indebitamento, con conseguente aumento dell'inflazione. Tassi d'interesse più elevati si traducono in un minore indebitamento e quindi in una minore inflazione.

Una cosa da notare qui per quanto riguarda le banche private è che sono attori chiave nella massa monetaria della tua economia. Se la tua banca centrale può aggiungere moneta all'economia, le tue banche private possono moltiplicare il denaro già esistente in circolazione attraverso un sistema noto come "fractional reserve banking". Significa che una banca può prestare quanto vuole, mantenendo solo una frazione dei fondi lasciati in garanzia.

Quantitative easing - Esempio di'attività bancaria di riserva frazionaria

Per esempio, Marco viene in banca, apre un conto e deposita 100 euro. Grazie al sistema bancario di riserva frazionaria, la banca può ora prestare 90 euro del denaro di Marco, mantenendo solo il 10% di riserva. Luca, il prossimo ragazzo, è interessato a un prestito, ottiene 90 euro per rimborsare una scommessa che ha perso con Sara. Sara prende i 90 euro e li mette sul proprio conto nella propria banca.

Ora la banca di Sara può prestare 81 euro - alla prossima persona che avrà bisogno di un prestito, Lina, e così via. Abbiamo Matteo con 100 euro sul suo conto, Sara con 90 euro sul suo conto e Lina con 81 dollari in tasca, per un totale di 271 dollari nella nostra piccola economia di esempio. Ma in realtà ci sono solo $100. Questo è il modo in cui il denaro viene moltiplicato per le banche private, ma solo a condizione che venga prestato.

Investire con Admiral Markets

Se stai pensando di investire nel mercato azionario per costruire il tuo portafoglio con le migliori azioni per il 2019, è necessario avere accesso ai migliori prodotti disponibili. Uno di questi prodotti è Admiral.Invest. Admiral.Invest ti permette di investire in azioni ed ETF in 15 delle più grandi borse del mondo con la piattaforma di trading MetaTrader 5. Altri vantaggi includono dati di mercato gratuiti in tempo reale, aggiornamenti di market premium, zero commissioni di mantenimento del conto, basse commissioni di transazione e pagamento dei dividendi.

Clicca sul banner qui sotto per iniziare!

quantitative easing significato

Un'ultima cosa sul sistema bancario. É importante rendersi conto che, nonostante il sistema bancario sia in grado di influenzare l'offerta di moneta, può influenzare solo indirettamente la domanda di moneta. Una persona deve andare in una banca per ottenere un prestito, e la banca deve voler prendere in prestito denaro dalla banca centrale.

Tuttavia, i privati, le imprese e le banche prendono in prestito e prestano denaro solo quando si sentono abbastanza sicuri per farlo. Quindi, in sostanza, è solo creando un ambiente economico sicuro e stabile che accoglie la crescita e lo sviluppo, che il governo può influenzare la domanda di denaro. Un calo di questa domanda significa che alla circolazione viene aggiunto meno denaro di quanto la tua economia in crescita richiede, il che spesso porta a una crisi finanziaria.

Quantitative easing: Tutto ciò che devi sapere

Questo è il minimo indispensabile in economia e finanza che devi conoscere per capire cos'é il quantitative easing , quindi riassumiamo brevemente ciò che hai imparato: le economie devono crescere costantemente. L'alternativa non è la stabilità, ma la recessione. Per crescere, le economie devono aumentare la loro produzione, la loro base tecnologica e, soprattutto, la quantità di moneta in circolazione. Per garantire che l'economia ottenga gli investimenti necessari, ma che non venga immesso in circolazione troppo denaro, una banca centrale può adottare varie politiche monetarie per gestire questo aspetto.

Uno degli strumenti più popolari ed efficaci per regolare l'offerta di moneta a disposizione di una banca centrale è l'aumento o la diminuzione dei tassi di interesse. Inoltre, le banche private possono moltiplicare la moneta in circolazione prestando circa 10 volte di più di quello che hanno in realtà grazie al sistema di riserva frazionaria. Infine, un governo, con l'aiuto di una banca centrale, può influenzare più o meno direttamente l'offerta di moneta disponibile nell'economia, ma non può influenzare la domanda di moneta.

Quantitative easing: come individuare e combattere una crisi finanziaria

Grazie ai sistemi di tipo bancario centrale, le economie possono crescere con grande velocità, in un breve periodo di tempo e in proporzioni immense. Tuttavia, a causa della natura del loro funzionamento, tali economie richiedono una costante introduzione di più denaro. Che cosa succede quando le persone o le imprese non si sentono più sicuri di prendere in prestito denaro? La moltiplicazione del denaro si ferma. La spesa pubblica diminuisce, la domanda di beni e servizi diminuisce e l'espansione delle imprese rallenta.

Poco dopo la domanda, anche l'offerta diminuisce, mentre le imprese tagliano la produzione e licenziano il personale, adattandosi alle nuove condizioni di mercato. La disoccupazione cresce, riducendo ulteriormente il reddito delle famiglie e così via in una spirale discendente. Cosa succede quando le banche private non si sentono abbastanza sicure di sé nel prestare denaro a persone o imprese? La moltiplicazione del denaro si ferma. Se uno dei troppi o troppo grandi debitori (come Lehman Brothers holdings Inc.) fallisce, una banca può andare in bancarotta.

Una persona di troppo può tornare in banca per ritirare i propri soldi, e la banca si rende conto improvvisamente che la liquidità è scarsa ed evita di entrare in una posizione ancora più rischiosa riducendo i prestiti. Un comportamento di questo tipo si rivela altamente contagioso, in quanto gli investitori sono facili da spaventare. La reazione a catena continua fino a quando tutti hanno i loro soldi sotto il cuscino, in attesa di un giorno migliore. Ancora una volta, la spesa pubblica cala, lo sviluppo degli affari rallenta e l'economia si trova ad affrontare la stessa spirale discendente in un abisso recessivo.

A questo punto, o meglio ancora prima di questo punto, la banca centrale deve essere consapevole del restringimento della cintura delle banche private, e deve aumentare l'offerta di moneta abbassando i tassi di interesse. Se le banche private hanno abbastanza denaro per sentirsi sicure, ricominceranno a concedere prestiti a privati e imprese, e la moltiplicazione del denaro riprenderà, fornendo all'economia i fondi necessari per continuare. Ma cosa succede quando i tassi d'interesse sono vicini allo 0% e non possono essere abbassati ulteriormente? É qui che entra in gioco il quantitative easing.

Quantitative Easing definizione

Cos'é il quantitative easing? Come unziona il quantitative easing?

Si tratta di una politica monetaria aggressiva che coinvolge una banca centrale che acquista quantità significative di attività finanziarie nel tentativo di stimolare l'economia aggiungendo direttamente contante. Il quantitative easing ha l'intenzione portare a due obiettivi: l'aumento dell'offerta di moneta in circolazione e l'aumento del valore delle attività finanziarie rimaste sul mercato.

Entrambi portano ad un ambiente bancario che stimola l'assunzione di prestiti estesi alle persone e alle imprese, e a una minore spesa per l'acquisto di attività costose. Il quantitative easing si presenta in molte forme, che variano soprattutto in termini di attività che una banca centrale dovrebbe acquistare, da chi e in quali quantità.

Fai trading con CFD su Criptovalute con Admiral Markets

Sei pronto ad unirti al crescente mercato delle cripto?

Admiral Markets permette ai trader di fare trading 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana con l'EUR e il cross cripto, così come la possibilità di andare in lungo o in corto su qualsiasi CFD su criptovalute. Fai trading di CFD su BTCEUR, ETHEUR, XRPEUR, BTCUSD e molti altri ancora! Clicca sul banner sottostante per aprire un conto e iniziare a fare trading!

quantitative easing effetti

Quantitative easing - La semplificazione originale e i successivi tentativi di attuazione

Il quantitative easing è un concetto relativamente giovane proposto da un economista giapponese di origine tedesca e ispirato da una bolla immobiliare in crescita che si è verificata in Giappone intorno al 1990. Il professor Richard Werner ha riconosciuto che la maggior parte del denaro nell'economia non proviene dalla banca centrale, ma da banche private che applicano il moltiplicatore di denaro quando si effettuano prestiti. Pertanto, non tanto a favore dell'acquisto di debito pubblico da parte della banca centrale, quanto piuttosto a favore della conclusione di accordi a lungo termine con le banche private, acquistando aggressivamente beni da queste ultime.

Nel 2001, la Banca del Giappone ha attuato una politica monetaria aggressiva, che hanno chiamato quantitative easing, ma non fu proprio quello che Werner aveva suggerito. La Banca del Giappone fece esattamente quello che Werner aveva messo in guardia di evitare - e acquistó enormi quantità di debito pubblico. Ora sappiamo che tutti quei tentativi di far uscire la terza economia mondiale da un decennio di deflazione sono stati inutili e, probabilmente, hanno portato solo al secondo decennio di deflazione.

Nel 2009, la Banca d'Inghilterra ha introdotto una propria versione di quantitative easing, riducendo contemporaneamente i tassi di interesse per aumentare l'effetto. Si trattava probabilmente di un altro fallimento. La Gran Bretagna ha fatto più o meno quello che Werner aveva suggerito nella sua teoria, pompando correttamente nuova moneta nell'economia attraverso banche private, solo che questo non ha stimolato il prestito. Stimolò il commercio finanziario, e le sterline appena create affondarono nella vastità dei mercati finanziari, senza lasciare nulla per l'economia britannica a cui erano destinate.

Nel 2014 la Banca d'Inghilterra aveva stampato circa 410 miliardi di dollari e, sebbene l'economia britannica abbia mostrato segni di ripresa negli anni successivi, la sua inflazione è scesa ben al di sotto del livello previsto del 2%, fino a raggiungere il minimo storico dello 0,0%, per poi rischiare la deflazione.

Chiaramente era l'opposto di quanto previsto. Alla fine del 2008, la Federal Reserve Bank statunitense ha avviato il più ambizioso programma di quantitative easing mai realizzato finora. La loro idea era quella di acquistare il maggior numero possibile di attività finanziarie da tutti, ovunque, a partire dalle numerose e poco costose obbligazioni ipotecarie che saturano il mercato, perché nessuno le voleva.

Erano esattamente le stesse obbligazioni ipotecarie che erano state l'ultimo fiocco di neve a causare la valanga finanziaria della crisi mondiale del 2008. Ciò ha fatto sì che altri 3,7 trilioni di dollari USA fossero immessi nell'economia statunitense, per poi essere dispersi nell'economia globale nei cinque anni successivi. Molti economisti mondiali lo hanno considerato di gran lunga l'unico quantitative easing di successo finora, sebbene vi siano critiche sistematiche da parte di fonti economiche non governative.

Tuttavia, si è ritenuto che l'economia statunitense sia passata da uno stato critico a uno stato di ripresa. Entro settembre 2015, la Federal Reserve sperava di iniziare ad aumentare gradualmente i tassi d'interesse, nonostante il calo dell'inflazione negli Stati Uniti, come nei casi precedenti. Sia nel 2013 che nel 2014, il Giappone ha nuovamente deciso di tentare un quantitative easing. Il loro programma di pompaggio di denaro nell'economia giapponese era più piccolo di quello degli Stati Uniti in totale, ma in proporzione alle dimensioni del paese era molto più grande.

La Banca del Giappone aveva annunciato che attraverso iniezioni mensili avrebbe acquistato debiti pubblici per un totale di circa 650 miliardi di dollari. Da quell'annuncio non c'era stato alcun miglioramento significativo dell'economia giapponese, ma solo una maggiore deflazione. Nel 2015 l'Eurozona stava avviando un proprio programma di quantitative easing, nel tentativo di gonfiare la contrazione dell'economia dell'UE. La politica di quantitative easing della BCE è iniziata con un modesto trilione di dollari. Modesto, se paragonato alle dimensioni della sua economia.

La Banca Centrale Europea ha annunciato che stavano progettando di pompare un terzo di quello che gli Stati Uniti hanno fatto. L'idea della Banca Centrale Europea era abbastanza simile a quella della Federal Reserve. Il quantitative easing comporta l'acquisto di attività finanziarie, compreso il debito pubblico degli Stati membri dell'Eurozona, nonché di attività da agenzie e istituzioni. Il tasso di inflazione è stato fissato al 2% annuo, come in tutti i paesi sopra menzionati.

Le criticità del Quantitative Easing

In primo luogo, i critici affermano che gli investimenti improduttivi sono, per loro natura, in ultima analisi, deflazionistici. Questo è il motivo per cui "scaricare denaro contante" in banche private che lo utilizzano sui mercati finanziari piuttosto che per accreditare la popolazione è una manovra fallimentare. Allo stesso modo, gonfiare altre economie con il proprio debito pubblico, come hanno fatto gli Stati Uniti con la Cina, non è un bene né per la Cina, né per gli Stati Uniti, ed entrambi sono ugualmente colpevoli.

Un'altra ala degli esperti finanziari sostiene che politiche monetarie aggressive, come il quantitative easing, privano l'economia dei suoi cicli economici, e che lisciando la recessione, le banche centrali spianano anche il boom economico dopo la recessione. La Banca dei Regolamenti Internazionali (la banca centrale delle banche centrali), rimane imparziale e attenta alle banche centrali nazionali, anche se commenta attentamente che il mondo è diventato troppo dipendente dagli stimoli economici.

Scambiare Forex e CFD con Admiral Markets

Il trading professionale non è mai stato più accessibile che in questo momento! Admiral Markets offre ai trader la possibilità di fare trading sul mercato Forex direttamente e tramite CFD con più di 80 valute, tra cui Forex majors, Forex minors, coppie esotiche e altro ancora! Apri il tuo conto trading reale oggi stesso cliccando sul banner qui sotto!

cos'è il quantitative easing

L'impatto del Quantitative Easing sul Forex

Ci sono due reazioni del mercato per le notizie fondamentali là fuori - il picco istantaneo quando la notizia viene realizzata, annunciando un cambiamento, e un eventuale aggiustamento del prezzo quando il cambiamento annunciato inizia ad influenzare effettivamente il mercato. Quindi, cosa succede quando viene annunciato un allentamento quantitativo e cosa succede quando viene applicato al mercato?

In teoria, entrambi causerebbero la debolezza di una valuta, dato che alla circolazione si aggiunge più valuta - aumento dell'inflazione - aumentando l'offerta e abbassando il prezzo. Tuttavia,accade veramente tutto ciò? Quando l'UE ha annunciato un quantitative easing il 22 gennaio 2015, la coppia valutaria EUR/USD è scesa di 500 pips nei due giorni successivi. A partire da questo momento, il calo si è fermato, mentre gli economisti discutevano la probabilità di raggiungere la parità tra la coppia EUR/USD.

Quando il Regno Unito ha annunciato un quantitative easing nel marzo 2009, la coppia valutaria GBP/USD è scesa di 600 punti in due settimane, ma ha raccolto 3300 punti nei quattro mesi successivi e ha oscillato per la restante parte dell'anno. Quando gli Stati Uniti hanno annunciato il primo round di quantitative easing nel dicembre 2008, la coppia EUR/USD ha guadagnato 2000 pips nella settimana successiva, per poi tornare al suo livello originale nel mese successivo, e poi è cresciuta costantemente per sei mesi, e ha anche iniziato a variare con le pendenze più o meno corrispondenti ai pit stop presi dalla Federal Reserve tra il primo, secondo e terzo trimestre.

Rispetto all'oro, il dollaro USA ha perso valore tra il 2007 e il 2011, e da allora si è lentamente rivalutato. Il nuovo round di quantitative easing del Giappone è iniziato nell'aprile 2013, causando un calo di 900 pips di JPY rispetto al dollaro USA, ma il tasso di cambio si è stabilizzato per l'anno e mezzo successivo. In sintesi, la prima reazione è quella di scaricare la valuta gonfiata, ma con il tempo si apprezza nonostante la logica teorica. Finora il quantitative easing si è dimostrato statisticamente deflazionistico per il mercato Forex.

Conclusioni sul Quantitative easing

I dati sugli effetti del quantitative easing in tutto il mondo vengono costantemente analizzati e gli esiti di stimoli monetari aggressivi sono tutt'altro che conclusivi. Diverse economie e le loro valute hanno reagito in modo diverso alle tecniche di quantitative easing adottate dalle loro banche centrali e le conclusioni definitive in materia richiederanno anni.

Nella maggior parte dei paesi che hanno tentato il quantitative easing, non ha portato ad una diminuzione dell'inflazione e talvolta anche alla deflazione. Miliardi di dollari sono stati iniettati nell'economia mondiale da varie nazioni. Le economie mature si sono effettivamente riprese dai loro busti industriali, ma il denaro appena creato ha anche attraversato le frontiere, creando bolle economiche di dimensioni nazionali nelle economie in via di sviluppo.

La domanda che ci si pone è: quando esploderanno? Il miglior consiglio in questo caso sarebbe quello di tenere d'occhio i mercati. Potrebbero essere necessarie ulteriori ricerche sugli effetti delle politiche monetarie aggressive sull'economia, ma ricorda sempre che l'economia potrebbe migliorare, nonostante la valuta stia perdendo il suo valore relativo e viceversa. Assicurati di consultare la nostra sezione Articoli e Tutorial per ulteriore materiale didattico.

MetaTrader Supreme Edition - Admiral Markets

Sapevi che Admiral Markets offre una versione migliorata di Metatrader che aumenta le capacità di trading? Ora è possibile fare trading con MetaTrader 4 e MetaTrader 5 con una versione avanzata di MetaTrader che offre eccellenti caratteristiche aggiuntive come la matrice di correlazione, che consente di visualizzare e contrastare varie coppie di valute in tempo reale, o il widget del mini trader - che consente di acquistare o vendere attraverso una piccola finestra mentre si continua con tutto il resto.

Scaricala GRATIS oggi stesso cliccando sul banner qui sotto!

come funziona il quantitative easing

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Admiral Markets

Siamo un broker con presenza globale e regolamentato dalle più alte autorità finanziarie. Offriamo l'accesso alle piattaforme di trading più innovative. Negoziamo CFD, azioni e ETF.

Buon Trading!

Admiral Markets

Questo materiale non contiene e non deve essere interpretato come contenente consulenza in materia di investimenti, raccomandazioni di investimento, un'offerta o una sollecitazione per qualsiasi operazione su strumenti finanziari. Si prega di notare che tale analisi di trading non è un indicatore affidabile per qualsiasi performance attuale o futura, in quanto le circostanze possono cambiare nel tempo. Prima di prendere qualsiasi decisione di investimento, è necessario chiedere il parere di consulenti finanziari indipendenti per assicurarsi di averne compreso i rischi.