Il dollaro USA si è deprezzato ai minimi storici di 8 mesi

Marzo 09, 2020 15:04

USD deprezzato


Nei mercati valutari, la settimana scorsa la pressione sul dollaro USA ha continuato a persistere. Gli investitori hanno venduto attivamente la valuta di riserva mondiale, che si è deprezzata al suo livello più basso dal giugno 2019, in previsione di un ulteriore allentamento della politica monetaria da parte degli operatori di mercato.

USD

Martedì scorso la banca centrale statunitense ha annunciato inaspettatamente un taglio dei tassi di interesse in due fasi, pari allo 0,5%. La decisione non è stata presa in una riunione programmata nel corso del 17-18 marzo, ma in una riunione speciale, temendo che il coronavirus potesse rallentare significativamente la crescita economica statunitense e portare incertezza. Per mitigare gli effetti negativi, i membri hanno allentato la politica monetaria per stimolare l'attività economica. È interessante notare che tale decisione, in una riunione non programmata e con una riduzione immediata in due fasi, è stata presa per la prima volta dalla crisi finanziaria globale del 2008.

I dati della più grande economia mondiale sono stati relativamente positivi. L'indice PMI manifatturiero ISM è sceso da 50,9 a 50,1 e si è mantenuto a un livello neutro. Il mercato del lavoro ha creato 273.000 nuovi posti di lavoro, e i salari sono aumentati del +3,0% all'anno, il che suggerisce che le aziende statunitensi non hanno fretta di licenziare i loro lavoratori nonostante l'incertezza del virus.

Nel frattempo, a livello globale, il coronavirus ha spinto il sentimento dell'industria in territorio negativo per la prima volta dal 2009, secondo gli indici PMI manifatturieri della scorsa settimana delle principali economie. L'indice PMI globale aggregato di JPMorgan è sceso a 47,2 punti, al di sotto del livello neutro di 50 punti. Ciò indica che un'industria cinese in stallo sta influenzando negativamente anche altre grandi economie, il che aumenta significativamente il rischio di una recessione economica.

Euro

La principale coppia valutaria EUR/USD riflette il deprezzamento del dollaro USA e ha raggiunto il suo punto più alto dal luglio 2019. I dati economici includono gli indici PMI manifatturieri, che sono rimasti per lo più in territorio negativo e riflettono le tendenze al rallentamento, in particolare in Cina. Inoltre, sempre più regioni d'Europa sono interessate dal coronavirus, che porterà a sempre maggiori restrizioni e senza dubbio influenzerà l'attività economica nel prossimo periodo. L'inflazione preliminare di febbraio è stata dell'1,2% in Europa e le vendite al dettaglio a gennaio sono state dell'1,7%. La coppia EUR/USD ha chiuso la settimana apprezzando un +2,3%.

JPY

La principale coppia asiatica USD/JPY ha continuato il suo forte deprezzamento e si è deprezzata al punto più basso dall'agosto 2019. I dati economici non promettevano nulla di positivo e riflettevano i segnali di un rallentamento della minaccia del coronavirus. L'indice PMI manifatturiero è rimasto in territorio negativo a 47,8 punti. È interessante notare che l'indice del segmento dei servizi è sceso a 46,8 punti e si trova anch'esso in territorio negativo. I consumi delle famiglie sono diminuiti del -3,9% su base annua. USD/JPY ha chiuso la settimana deprezzandosi del -2,4%.

GBP

La sterlina britannica si è apprezzata rispetto al dollaro statunitense come molte altre valute. In Gran Bretagna i dati economici erano scarsi. Tra i dati più importanti c'è l'indice PMI manifatturiero, che ha raggiunto i 51,7 punti ed è in territorio positivo. La sterlina britannica/USD ha terminato la settimana apprezzando un +1,8%.

Eventi economici

Questa settimana inizierà con le cifre delle esportazioni tedesche di gennaio e i volumi dell'industria. I dati preliminari di crescita del quarto trimestre del 2019 saranno resi noti martedì. Mercoledì gli investitori osserveranno i volumi dell'industria britannica e i dati sull'inflazione negli Stati Uniti. Giovedì, gli investitori concentreranno la loro attenzione sulla riunione della Banca Centrale Europea e sulle sue decisioni, in particolare sulle misure per mitigare l'impatto del virus sull'economia. Venerdì, a febbraio, saranno monitorati i dati sull'inflazione nelle principali economie europee.

Secondo i dati di Admiral Markets sul sentiment del mercato, il 22% degli investitori ha posizioni lunghe nella coppia EUR/USD (-7 punti percentuali in meno rispetto alla settimana scorsa). Nella coppia USD/JPY, il 73% degli investitori ha posizioni lunghe (aumentato di +4 punti percentuali). Nella coppia GBP/USD, il 34% dei partecipanti si aspetta un aumento (diminuito di -12 punti percentuali). Tali dati di mercato sono interpretati come controindicativi, suggerendo un apprezzamento nelle coppie EUR/USD e GBP/USD e un deprezzamento nella coppia USD/JPY. L'analisi dei dati di posizionamento dovrebbe essere combinata con le proiezioni fondamentali e l'analisi tecnica.

Fonti: bloomberg.com, reuters.com, Admiral Markets MT4 Supreme Edition, investing.com

Scopri la piattaforma multi-asset numero 1 al mondo

Admiral Markets offre ai trader professionisti la possibilità di operare con una versione personalizzata e aggiornata di MetaTrader 5, permettendovi di sperimentare il trading ad un livello significativamente più alto e gratificante. I vantaggi dell'esperienza, come l'aggiunta della Market Heat Map, vi permette di confrontare diverse coppie di valute per vedere quali potrebbero essere investimenti redditizi, accedere ai dati di trading in tempo reale e molto altro ancora. Clicca il banner qui sotto per iniziare il tuo download GRATUITO di MT5 Supreme Edition!

USD deprezzato

Avvertenza sui rischi: i dati forniti forniscono informazioni aggiuntive rispetto a tutte le analisi, stime, previsioni o altre valutazioni o informazioni simili ("Analisi") pubblicate sul sito web di Admiral Markets. Prima di prendere qualsiasi decisione di investimento, prestare particolare attenzione a quanto segue:

1. Questa è una comunicazione di marketing. Il contenuto è pubblicato a solo scopo informativo e non deve essere interpretato in alcun modo come consiglio o raccomandazione di investimento. Non è stato preparato in conformità con i requisiti legali volti a promuovere l'indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non è soggetto ad alcun divieto di negoziazione prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.

2. Qualsiasi decisione di investimento è presa da ciascun cliente separatamente, mentre Admiral Markets (Admiral Markets) non sarà responsabile per qualsiasi perdita o danno derivante da tale decisione, sia che si basi o meno sul contenuto.

3. Per garantire che gli interessi dei clienti siano protetti e l'obiettività dell'Analisi non sia compromessa, Admiral Markets ha stabilito procedure interne rilevanti per la prevenzione e la gestione dei conflitti di interesse.

4. L'analisi è preparata da un analista indipendente (Pierre Perrin-Monlouis e Eva Blanco) sulla base delle sue stime personali.

5. Sebbene sia stato fatto ogni ragionevole sforzo per assicurare che tutte le fonti dell'Analisi siano affidabili e che tutte le informazioni siano presentate, per quanto possibile, in modo comprensibile, tempestivo, accurato e completo, Admiral Markets non garantisce l'accuratezza o la completezza delle informazioni contenute nell'Analisi.

6. Qualsiasi precedente performance o modellizzazione degli strumenti finanziari indicati nella Pubblicazione non deve essere interpretata come promessa, garanzia o implicazione espressa o implicita da parte di Admiral Markets per qualsiasi performance futura. Il valore dello strumento finanziario può aumentare o diminuire e il mantenimento del valore dell'attività non è garantito.

7. I prodotti a leva (compresi i contratti per differenze) sono di natura speculativa e possono determinare perdite o guadagni. Prima di iniziare a fare trading, assicurati di aver compreso appieno i rischi connessi.

8. I prodotti a leva (compresi i contratti per differenze) sono di natura speculativa e possono generare profitti o perdite. Prima di iniziare a fare trading, è necessario assicurarsi di aver compreso tutti i rischi.





Avatar-Admirals
Admirals
Una soluzione all-in-one per spendere, investire e gestire i tuoi soldi

Più di un broker, Admirals è un hub finanziario, che offre una vasta gamma di prodotti e servizi finanziari. Diamo la possibilità di affrontare la finanza personale attraverso una soluzione all-in-one per investire, spendere e gestire i soldi.