Previsioni di mercato settimanali: Approvazione del vaccino, trattative Brexit e altro

Dicembre 14, 2020 16:48

Tre notizie decisive sono attese per orientare il corso del mercato per tutta la settimana, mentre ci dirigiamo verso le vacanze di Natale:

  • L'approvazione della FDA per l'avvio del processo di vaccinazione negli Stati Uniti dopo l'approvazione del vaccino Pfizer
  • Il proseguimento dei negoziati commerciali post-Brexit tra il Regno Unito e l'Unione Europea
  • La riunione della Federal Reserve

Il processo del vaccino inizia negli USA

Dopo l'approvazione del vaccino Pfizer da parte della FDA domenica scorsa, gli Stati Uniti hanno seguito le orme del Regno Unito e di altri paesi nel compiere un importante passo avanti nella lotta in corso contro la pandemia di coronavirus.

Pochi paesi sono stati devastati dalla pandemia al pari degli Stati Uniti, che la scorsa settimana hanno stabilito il record di 234.000 nuovi contagi registrati in 24 ore, superando un totale di 16 milioni di casi registrati e 302.762 decessi dall'inizio della pandemia.

Il lancio della vaccinazione è stato approvato in linea di principio come misura d'emergenza per le persone di età superiore ai 16 anni con un totale di 2,9 milioni di dosi pronte per la distribuzione.

Brexit: continuano i negoziati

La scorsa settimana è stata una settimana critica per i negoziati commerciali tra l'UE e il Regno Unito. La domenica era stata concordata da entrambe le parti come termine ultimo per raggiungere un accordo tra Londra e Bruxelles.

Ma ancora una volta, mentre l'Europa attendeva un annuncio decisivo, è stata annunciata una proroga dei negoziati nel tentativo di raggiungere un accordo. Boris Johnson e Ursula Von der Leyen hanno accettato la proroga per telefono domenica pomeriggio, dimostrando, se non era già chiaro, che entrambe le parti considerano un accordo vitale, nonostante le rispettive posizioni sembrino molto lontane da una prospettiva esterna.

Dal referendum britannico sull'adesione all'Ue del giugno 2016, la storia di Brexit sembra non finire mai e resta meno di un mese prima della fine del periodo di transizione tra le due parti.

La scorsa settimana sono stati compiuti passi importanti, dopo che il Primo Ministro britannico ha annunciato il ritiro di alcune clausole controverse all'interno del Internal Market Act, in diretta violazione dell'accordo di ritiro raggiunto lo scorso gennaio con l'UE in merito al confine irlandese.

Questa nuova estensione darà un po' di respiro ai mercati finanziari che la settimana scorsa erano pieni di incertezza. Tuttavia, fino a quando non si raggiungerà un accordo, questa incertezza continuerà a crescere, poiché le possibilità di un no deal Brexit sembrano aumentare di giorno in giorno. Paesi come la Francia, il Belgio, i Paesi Bassi e la Danimarca hanno chiarito che preferirebbero un no deal piuttosto che l'Europa dia troppe concessioni al Regno Unito.

Attenzione alla Federal Reserve

La settimana scorsa la Presidente della Banca Centrale Europea, Christine Lagarde, ha fatto un altro passo avanti nel suo piano di fare "tutto quello che serve" dando nuova vita al suo programma di stimolo monetario. Ora tocca alla Federal Reserve americana prendere le redini e valutare la possibilità di introdurre nuove misure in materia di politica monetaria.

Gli ultimi dati sull'occupazione e la situazione relativa alla pandemia non sono affatto promettenti, in quanto i dati sui salari non agricoli di novembre hanno mostrato un indebolimento del mercato del lavoro, dove la disoccupazione continua a crescere.

Sarà importante vedere quali decisioni saranno prese, dato che il pacchetto di stimoli di 908 miliardi di dollari destinato a combattere gli effetti della pandemia rimane in stallo nelle trattative.

Oltre a questi tre punti chiave , occorre prestare attenzione anche ad altri eventi del calendario economico.

Fonte: Admiral Markets Calendario Forex

La situazione del mercato

La scorsa settimana i principali indici globali hanno chiuso con leggeri cali. Il DAX30 e l'SP500 sono tornati al loro primo livello di supporto alla loro media di 18 sessioni.

È importante osservare il comportamento di entrambi gli indici e vedere se sono in grado di rimbalzare da questo livello e cercare il supporto per prendere un nuovo slancio verso l'alto.

La perdita di questi livelli potrebbe approfondire le inversioni di tendenza dopo gli aumenti di novembre e inizio dicembre che hanno portato a livelli di ipercomprato l'indicatore stocastico, quindi questo processo di distribuzione potrebbe essere positivo. Queste inversioni potrebbero essere interpretate come possibili punti di ingresso per un eventuale rally natalizio, a condizione che non perdano i loro principali livelli di supporto (media mobile di 200 sessioni in rosso). Anche se, affinché ciò avvenga, il DAX30 dovrà uscire dal suo attuale livello di resistenza verde.

Fonte: Admiral Markets MetaTrader 5 - DAX30 Daily Chart. Intervallo di date: 9 settembre 2019, fino all'11 dicembre 2020. Data catturata: 11 dicembre 2020. Le performance passate non sono necessariamente un'indicazione delle performance future.

Fonte: Admiral Markets MetaTrader 5 - SP500 Daily Chart. Intervallo di date: 9 settembre 2019, al 14 dicembre 2020. Data di acquisizione: 14 Dicembre 2020. La performance passata non è necessariamente un'indicazione della performance futura.

D'altra parte, la traiettoria ascendente dei prezzi del petrolio in seguito all'annuncio del successo delle vaccinazioni continua a raggiungere livelli mai visti negli ultimi 8 mesi. Questo slancio è stato rafforzato a seguito dell'accordo dell'OPEC di aumentare la produzione di 500.000 barili al giorno a partire da gennaio, contro i 2 milioni inizialmente previsti.

Tecnicamente parlando, la scorsa settimana i prezzi hanno chiuso a 49,89 dollari dopo essere saliti dell'1,92%, continuando il trend di novembre dove il prezzo è salito oltre il 25%, superando finalmente la zona alta del canale laterale forte e la sua media di 200 sessioni.

Durante le prime ore di lunedì, il Brent è salito di circa l'1%, superando così il livello di 50 dollari. È importante vedere se sarà in grado di sostenere questa pausa nel tempo e cercare nuovi massimi. Se dovesse scendere al di sotto del precedente livello di resistenza (verde), il petrolio potrebbe rientrare nella lateralità il cui supporto principale sarebbe la banda blu.

Fonte: Admiral Markets MetaTrader 5 - Brent Daily Chart. Intervallo di date: 9 settembre 2019, al 14 dicembre 2020. Data di acquisizione: 14 Dicembre 2020. La performance passata non è necessariamente un'indicazione della performance futura.

Nel 2015 il valore del Brent è sceso del 35,12%, nel 2016 è aumentato del 45,22%, nel 2017 è aumentato del 18,66%, nel 2018 è sceso del 21,36% e nel 2019 è aumentato del 25,20%. In cinque anni, quindi, è aumentata del 14,38%.

Scopri il trading con MetaTrader 5

Admiral Markets offre ai trader la piattaforma di trading multi-asset numero 1 al mondo completamente gratuita! MetaTrader 5 permette ai trader di accedere a capacità di grafici superiori, dati e analisi di mercato in tempo reale, i migliori widget di trading disponibili e molto altro ancora! Clicca sul banner qui sotto per iniziare il tuo download gratuito:

INFORMAZIONI SUI MATERIALI ANALITICI:

I dati forniti forniscono ulteriori informazioni riguardanti tutte le analisi, le stime, le previsioni, le previsioni, le revisioni di mercato, le prospettive settimanali o altre valutazioni o informazioni simili (di seguito "Analisi") pubblicate sul sito web di Admiral Markets. Prima di prendere qualsiasi decisione di investimento si prega di prestare molta attenzione a quanto segue:

1.Questa è una comunicazione di marketing. Il contenuto è pubblicato a solo scopo informativo e non deve in alcun modo essere interpretato come un consiglio o una raccomandazione di investimento. Non è stata redatta in conformità con i requisiti di legge volti a promuovere l'indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non è soggetta ad alcun divieto di negoziazione prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.

2.Ogni decisione di investimento è presa da ciascun cliente da solo, mentre Admiral Markets (Admiral Markets) non sarà responsabile per eventuali perdite o danni derivanti da tali decisioni, basate o meno sul contenuto.

3.Al fine di proteggere gli interessi dei nostri clienti e l'obiettività dell'Analisi, Admiral Markets ha stabilito procedure interne rilevanti per la prevenzione e la gestione dei conflitti di interesse.

4.L'Analisi è preparata da un analista indipendente Jitan Solanki, Collaboratore Freelance (di seguito "Autore") sulla base di stime personali.

5.Mentre viene fatto ogni ragionevole sforzo per assicurare che tutte le fonti del contenuto siano affidabili e che tutte le informazioni siano presentate, per quanto possibile, in modo comprensibile, tempestivo, preciso e completo, Admiral Markets non garantisce l'accuratezza o la completezza delle informazioni contenute nell'Analisi.

6.Qualsiasi tipo di performance passata o modellata degli strumenti finanziari indicati nel contenuto non deve essere interpretata come una promessa, garanzia o implicazione espressa o implicita da parte di Admiral Markets per qualsiasi performance futura. Il valore dello strumento finanziario può sia aumentare che diminuire e la conservazione del valore patrimoniale non è garantita.

7.I prodotti a leva (inclusi i contratti per differenza) sono di natura speculativa e possono comportare perdite o profitti. Prima di iniziare a fare trading, assicuratevi di comprendere appieno i rischi connessi.

Avatar-Admirals
Admirals Una soluzione all-in-one per spendere, investire e gestire i tuoi soldi

Più di un broker, Admirals è un hub finanziario, che offre una vasta gamma di prodotti e servizi finanziari. Diamo la possibilità di affrontare la finanza personale attraverso una soluzione all-in-one per investire, spendere e gestire i soldi.