Il dollaro continua in difficoltà nel recuperare valore

Gennaio 04, 2021 13:23

minimi usd festività

La settimana scorsa i venditori hanno messo sotto pressione il dollaro USA e la valuta è scesa a nuovi minimi nel 2020.

A causa del periodo di festività e della settimana lavorativa breve, i dati economici negli Stati Uniti sono stati molto limitati. I più importanti sono stati le vendite di case in attesa, i cui volumi sono aumentati di circa il 16% rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Il mercato immobiliare del Paese rimane molto attivo, con prezzi degli immobili in aumento di circa il 7% all'anno, tassi di interesse sui prestiti in calo di circa il -1% e il numero di case vendute sul mercato uno dei più bassi degli ultimi dieci anni, riducendo l'offerta. Il numero di nuovi disoccupati è rimasto stabile a 0,79 milioni alla settimana.

USD

La diffusione dei contagi di coronavirus rimane elevata. La situazione negli Stati Uniti rimane relativamente negativa, con circa 190.000 nuovi casi di virus registrati ogni giorno. Il Paese ha già realizzato 3,5 milioni di vaccinazioni e, anche se con un notevole ritardo, si prevede un recupero nel primo trimestre del 2021. Il processo di vaccinazione è più avanzato in Israele, dove il 10% della popolazione è già stato vaccinato. In India si è registrato un ulteriore rallentamento e il numero medio di casi è sceso a 17.000. In Brasile la tendenza si mantiene stabile a 35.000 casi al giorno. In Russia, la situazione è cambiata in modo insignificativo e i casi sono stati 28.000 mila. In Francia e in Italia la situazione è stabile, ma nel Regno Unito si registra un'ulteriore forte crescita a 57.000 casi al giorno.

Euro

La coppia valutaria principale EUR/USD è salita brevemente a nuovi massimi nel 2020 nella seconda metà della settimana, a 1.230, ma non è durata a lungo e si è svalutata giovedì pomeriggio. A causa degli importanti dati economici del periodo di festa, i dati europei non sono stati pubblicati. La coppia EUR/USD ha chiuso la settimana in rialzo dello 0,3%.

JPY

La coppia asiatica di punta, USD/JPY, è tornata ai minimi storici di 9 mesi e ha chiuso a 103,3 punti. Tra le novità economiche c'è stata la variazione dei volumi industriali nel mese di novembre, che ha mostrato una contrazione del -3,4% rispetto all'anno precedente. La coppia USD/JPY ha chiuso la settimana in calo del -0,3%.

GBP

La sterlina britannica si è apprezzata rispetto al dollaro statunitense e ha chiuso la settimana a 1.366 punti, il massimo dall'aprile 2018. La settimana di vacanza è stata breve e non ci sono stati dati economici. Giovedì sera, dopo la fine del 2020, il Regno Unito si è finalmente ritirato dall'Unione Europea, ponendo fine a quasi 5 anni di divorzio. Le tariffe di importazione zero e le quote zero nel commercio sono per lo più applaudite, ma ci sono aumenti significativi dei requisiti amministrativi, che costringeranno le imprese a sostenere costi più elevati per il personale, la documentazione e il tempo presso i posti doganali. È importante sottolineare che l'attuale accordo non copre il settore dei servizi del Regno Unito, in particolare la finanza, che da sola ha pagato circa 75 miliardi di sterline in tasse nel 2018. La GBP/USD ha chiuso la settimana con un aumento dello 0,8%.

Eventi economici

Questa settimana inizierà con i risultati effettivi dell'indice PMI manifatturiero. I dati relativi al mercato tedesco del commercio al dettaglio e al mercato del lavoro sono attesi per martedì. Gli indici PMI del settore dei servizi saranno monitorati mercoledì e il verbale dell'ultima riunione della Federal Reserve statunitense sarà pubblicato in serata. Giovedì gli investitori si aspetteranno i dati preliminari sull'inflazione in Europa a dicembre e le vendite al dettaglio a novembre. Venerdì, l'attenzione si concentrerà sui dati del mercato del lavoro statunitense: il numero di nuovi posti di lavoro creati, il tasso di disoccupazione e la variazione dei salari.

Secondo i dati di Admiral Markets sul sentiment del mercato, il 60% degli investitori ha posizioni lunghe nella coppia EUR/USD (aumentato di +5 punti percentuali rispetto ai dati della scorsa settimana). Nella principale coppia asiatica USD/JPY, il 48% degli investitori ha posizioni lunghe (in crescita di 7 punti percentuali). Nella coppia GBP/USD, il 31% dei partecipanti si aspetta un aumento (5 punti percentuali in meno). Tali dati di mercato sono interpretati come controindicativi, quindi si prevede che la coppia GBP/USD salga, la coppia EUR/USD scenda, mentre la coppia USD/JPY dovrebbe rimanere in una posizione neutrale. L'analisi dei dati di posizionamento deve essere combinata con le proiezioni fondamentali e l'analisi tecnica.

Fonti: bloomberg.com, reuters.com, Admiral Markets MT4 Supreme Edition, investing.com

 

Sapevi che con Admiral Markets puoi speculare sul movimento dei prezzi del dollaro USA e delle altre principali valute, sia che salgano o scendano? Questo è possibile grazie ai Contratti per Differenza (CFD). Clicca sul seguente banner se vuoi aprire un conto di trading reale e iniziare a fare trading:

apri un conto di trading

INFORMAZIONI SUI MATERIALI ANALITICI:

I dati forniti forniscono ulteriori informazioni riguardanti tutte le analisi, le stime, le previsioni, le previsioni, le revisioni di mercato, le prospettive settimanali o altre valutazioni o informazioni simili (di seguito "Analisi") pubblicate sul sito web di Admiral Markets. Prima di prendere qualsiasi decisione di investimento si prega di prestare molta attenzione a quanto segue:

1.Questa è una comunicazione di marketing. Il contenuto è pubblicato a solo scopo informativo e non deve in alcun modo essere interpretato come un consiglio o una raccomandazione di investimento. Non è stata redatta in conformità con i requisiti di legge volti a promuovere l'indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non è soggetta ad alcun divieto di negoziazione prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.

2.Ogni decisione di investimento è presa da ciascun cliente da solo, mentre Admiral Markets (Admiral Markets) non sarà responsabile per eventuali perdite o danni derivanti da tali decisioni, basate o meno sul contenuto.

3.Al fine di proteggere gli interessi dei nostri clienti e l'obiettività dell'Analisi, Admiral Markets ha stabilito procedure interne rilevanti per la prevenzione e la gestione dei conflitti di interesse.

4.L'Analisi è preparata da un analista indipendente Jitan Solanki, Collaboratore Freelance (di seguito "Autore") sulla base di stime personali.

5.Mentre viene fatto ogni ragionevole sforzo per assicurare che tutte le fonti del contenuto siano affidabili e che tutte le informazioni siano presentate, per quanto possibile, in modo comprensibile, tempestivo, preciso e completo, Admiral Markets non garantisce l'accuratezza o la completezza delle informazioni contenute nell'Analisi.

6.Qualsiasi tipo di performance passata o modellata degli strumenti finanziari indicati nel contenuto non deve essere interpretata come una promessa, garanzia o implicazione espressa o implicita da parte di Admiral Markets per qualsiasi performance futura. Il valore dello strumento finanziario può sia aumentare che diminuire e la conservazione del valore patrimoniale non è garantita.

7.I prodotti a leva (inclusi i contratti per differenza) sono di natura speculativa e possono comportare perdite o profitti. Prima di iniziare a fare trading, assicuratevi di comprendere appieno i rischi connessi.

 

 

Avatar-Admirals
Admirals
Una soluzione all-in-one per spendere, investire e gestire i tuoi soldi

Più di un broker, Admirals è un hub finanziario, che offre una vasta gamma di prodotti e servizi finanziari. Diamo la possibilità di affrontare la finanza personale attraverso una soluzione all-in-one per investire, spendere e gestire i soldi.