La valuta di riserva globale si è allontanata dai massimi

Febbraio 15, 2021 13:18


La scorsa settimana, l'indice del dollaro statunitense si è assestato dai massimi di diversi mesi. Con il buon sentiment del mercato e i mercati azionari che registrano nuovi massimi storici, gli investitori hanno optato per valute più rischiose e tendevano a vendere il dollaro americano. 

USD
Non ci sono stati molti dati economici negli Stati Uniti. L'attenzione principale era sull'inflazione annuale del paese, che è aumentata leggermente all'1,4% a Gennaio, ma è stata inferiore alle aspettative del mercato dell'1,5%. L'indice di fiducia dei consumatori calcolato dall'Università del Michigan era a 76,2 punti, sotto le previsioni del mercato di 80,8 ed è rimasto relativamente stabile negli ultimi sei mesi. Il numero di nuove richieste di lavoro era stabile a 0,79 milioni a settimana. 

Le notizie sul coronavirus hanno mostrato un ulteriore rallentamento della diffusione nel mondo. La media settimanale dei nuovi casi negli Stati Uniti è scesa da 119.000 a 99.000 al giorno, il punto più basso degli ultimi 3 mesi. Il numero di persone vaccinate nel paese è aumentato da 40,5 a 51,7 milioni, e il tasso di vaccinazione è stato stabile rispetto alla settimana precedente. Nel complesso, circa l'11,2% della popolazione degli Stati Uniti è già stata vaccinata con almeno una dose. Circa 174 milioni di dosi di vaccino sono state iniettate in tutto il mondo, un livello che è salito dai 128 milioni della settimana scorsa. Israele, gli Emirati Arabi Uniti e il Regno Unito continuano a guidare in termini di vaccinazione. 

Euro
La principale coppia di valute EUR/USD si è apprezzata moderatamente e ha raggiunto il livello di 1.215 punti. Tra i dati economici in Europa c'è stato il volume della produzione industriale in Germania nel mese di dicembre, che è stato -1,0% inferiore a un anno fa. Le esportazioni del paese sono state superiori dello 0,1% a dicembre rispetto a novembre, spinte principalmente dalla domanda di beni provenienti da Cina e Stati Uniti. Le esportazioni tedesche per l'intero 2020 sono state inferiori del -9,3% rispetto a un anno fa e riflettono l'impatto della pandemia e dell'austerità sull'economia. La coppia EUR/USD ha chiuso la settimana con un aumento dello 0,6%. 

JPY
La coppia asiatica più importante USD/JPY ha iniziato una correzione la scorsa settimana e si è deprezzata fino al livello di 104,5, ma poi ha recuperato leggermente ed è salita a 105,1. I dati economici erano scarsi, e includevano un cambiamento medio nei guadagni delle famiglie, che è sceso di -3,2% ed è stato inferiore alle aspettative del mercato. Il costo della produzione industriale del paese è sceso del -1,6% su base annua, il che suggerisce pressioni deflazionistiche. USD/JPY ha chiuso la settimana con un calo del -0,5%. 

GBP
La sterlina britannica si è apprezzata contro il dollaro statunitense e la coppia è salita al livello di 1.385 punti, il punto più alto da aprile 2018. Tra i dati c'era il cambiamento dell'economia del paese nel 2020, che è stato -9,9% rispetto al 2019. È stata la più grande correzione di un anno in 300 anni e la dimensione dell'economia è tornata ai livelli del 2013. È probabile che l'attività si riprenda significativamente dopo la fine della pandemia, quando si libereranno i vincoli sociali, che sono stati particolarmente gravi nel paese a causa della diffusione delle mutazioni del virus. Tra le altre notizie, la produzione industriale, che a dicembre è scesa del -3,3% su base annua, e gli investimenti, che nel quarto trimestre sono stati inferiori del -10,4% rispetto a un anno fa, suscitando preoccupazione tra gli operatori economici. GBP/USD ha chiuso la settimana in rialzo dello 0,8%. 

Eventi economici
Questa settimana inizierà con i risultati preliminari del PIL del Giappone e i dati sulla produzione industriale. Lunedì sarà anche un giorno festivo negli Stati Uniti. Martedì saranno monitorati i dati dell'indice ZEW tedesco e i risultati dell'economia europea nel quarto trimestre e nel 2020. Mercoledì sono attesi i dati sulle esportazioni del Giappone, l'inflazione del Regno Unito e le vendite al dettaglio e i volumi della produzione industriale degli Stati Uniti. Anche i verbali dell'ultima riunione della Federal Reserve statunitense saranno annunciati mercoledì sera. Nessun dato importante è previsto per giovedì, mentre le vendite al dettaglio inglesi e gli indici preliminari di acquisto dei manager delle principali economie sono attesi per venerdì. 

Secondo i dati sul sentimento del mercato di Admiral Markets, il 28% degli investitori ha posizioni lunghe nella coppia EUR/USD (in calo di 3 punti percentuali rispetto alla settimana scorsa). Nella principale coppia asiatica USD/JPY, il 38% degli investitori ha posizioni lunghe (in aumento di 20 punti percentuali). Nella coppia GBP/USD, il 16% dei partecipanti si aspetta un rialzo (in calo di 1 punto percentuale). Questi dati di mercato vengono interpretati come controindicazioni, quindi è probabile un aumento nelle coppie EUR/USD, GBP/USD e USD/JPY. L'analisi dei dati di posizionamento deve essere combinata con le proiezioni fondamentali e l'analisi tecnica. 

Fonti: bloomberg.com, reuters.com, Admiral Markets MT5 Multi-Asset, investing.com



INFORMAZIONI SUL MATERIALE ANALITICO:

I dati presentati forniscono informazioni aggiuntive riguardanti tutte le analisi, stime, prognosi, previsioni, revisioni di mercato, prospettive settimanali o altre valutazioni o informazioni simili (di seguito "Analisi") pubblicate sui siti web delle società di investimento Admiral Markets che operano sotto il marchio Admiral Markets (di seguito "Admiral Markets") Prima di prendere qualsiasi decisione di investimento si prega di prestare molta attenzione a quanto segue:

  1. Questa è una comunicazione di marketing. Il contenuto è pubblicato solo a scopo informativo e non deve in alcun modo essere interpretato come consiglio o raccomandazione di investimento. Non è stato preparato in conformità con i requisiti legali volti a promuovere l'indipendenza della ricerca sugli investimenti e non è soggetto ad alcun divieto di negoziazione prima della diffusione della ricerca sugli investimenti.

  2. Ogni decisione di investimento è presa da ogni cliente da solo, Admiral Markets non è responsabile per qualsiasi perdita o danno derivante da qualsiasi decisione, basata o meno sul contenuto.

  3. Al fine di proteggere gli interessi dei nostri clienti e l'obiettività dell'analisi, Admiral Markets ha stabilito procedure interne pertinenti per la prevenzione e la gestione dei conflitti di interesse.

  4. L'Analisi è preparata da un analista indipendente (Alberta Gava, di seguito "Autore") sulla base delle sue stime personali.

  5. Sebbene sia stato compiuto ogni ragionevole sforzo per assicurare che tutte le fonti del contenuto siano affidabili e che tutte le informazioni siano presentate, per quanto possibile, in modo comprensibile, tempestivo, preciso e completo, Admiral Markets non garantisce l'accuratezza o la completezza di qualsiasi informazione contenuta nell'Analisi.

  6. Qualsiasi tipo di performance passata o modellata di strumenti finanziari indicata all'interno del contenuto non deve essere interpretata come una promessa, garanzia o implicazione espressa o implicita da parte di Admiral Markets per qualsiasi performance futura. Il valore dello strumento finanziario può sia aumentare che diminuire e la conservazione del valore dell'asset non è garantita.

  7. I prodotti con leva finanziaria (inclusi i contratti per differenza) sono di natura speculativa e possono comportare perdite o profitti. Prima di iniziare a fare trading, assicurati di aver compreso appieno i rischi connessi.

 

 

Avatar-Admirals
Admirals Una soluzione all-in-one per spendere, investire e gestire i tuoi soldi

Più di un broker, Admirals è un hub finanziario, che offre una vasta gamma di prodotti e servizi finanziari. Diamo la possibilità di affrontare la finanza personale attraverso una soluzione all-in-one per investire, spendere e gestire i soldi.