Il dollaro americano non ha resistito all'ottimismo del mercato

Maggio 10, 2021 15:38

Il dollaro perdere un pò di slancio

La scorsa settimana il dollaro americano non ha mantenuto la tendenza al rialzo e si è deprezzato ai minimi degli ultimi 2 mesi. L'ottimismo nei mercati finanziari e i dati economici positivi stanno costringendo gli investitori a scegliere strumenti più rischiosi per vendere il dollaro americano, considerato una valuta sicura.

USD 

I dati statunitensi sono rimasti forti, suggerendo una continua ripresa economica, anche se non erano in linea con le aspettative più alte del mercato. I dati effettivi dell'indice ISM PMI nel settore manifatturiero del paese erano di 60,7 punti e hanno rallentato relativamente rispetto al livello del mese precedente di 64,7, ma in generale hanno suggerito un buon sentiment e una buona crescita. Tra le componenti dell'indice, la componente dei prezzi si è distinta maggiormente, salendo a 89,6 punti e indicando un'ulteriore accelerazione dell'inflazione nella catena di fornitura e tra le materie prime, che molto probabilmente si trasferirà al prodotto finale. Questo livello della componente dei prezzi è stato registrato l'ultima volta nel 2008, quando il costo del petrolio era a 140 dollari al barile. Sono stati pubblicati anche i dati sul mercato del lavoro del paese - 266.000 nuovi posti di lavoro sono stati creati in aprile, che non hanno raggiunto le 978.000 aspettative del mercato. Il tasso di disoccupazione era al 6,1%. Il deficit commerciale del paese ha raggiunto 74,4 miliardi di dollari a marzo ed è stato il più grande dal 1992. Il numero di nuove richieste di lavoro è sceso da 0,53 a 0,50 milioni a settimana. 

L'accelerazione della pandemia di coronavirus la scorsa settimana ha mostrato un moderato rallentamento, con il numero di nuovi casi nel mondo che è sceso da 825.000 a 789.000 al giorno. Queste cifre sono state più fortemente influenzate dall'India, che ha continuato a registrare 400.000 nuovi casi al giorno e la crescita esponenziale è finita, almeno per ora. Il numero di casi negli Stati Uniti ha continuato a diminuire, con la media settimanale che è scesa da 54.000 a 45.000 al giorno. Il numero di vaccini iniettati nel paese è passato da 240 a 255 milioni e il cambiamento è di 15 milioni, molto meno che negli ultimi mesi. Nel paese, il processo di vaccinazione sta perdendo slancio in quanto le persone che più aspettavano il vaccino sono state vaccinate e diventa sempre più difficile attirare una parte più conservatrice della popolazione. Nel complesso, il numero di persone vaccinate con almeno una dose negli Stati Uniti è passato dal 43,6% al 45,3% della popolazione ed è aumentato dell'1,7% nel corso della settimana. In Lituania, questo indicatore è aumentato dal 24,5% al 27,2%, quando la quantità e la stabilità dei vaccini forniti è aumentata significativamente.

Euro

La coppia valutaria principale EUR/USD si è consolidata all'inizio della settimana, ma è cresciuta significativamente giovedì e venerdì e ha chiuso a 1.216 punti, il punto più alto dalla fine di febbraio. Tra i dati economici in Europa ci sono stati gli indici PMI manifatturieri reali: 62,9 punti in Europa, leggermente superiore a 62,5 del mese scorso e il più alto dal 1997, quando è iniziata la raccolta dei dati, e 66,2 punti in Germania, mostrando un ulteriore recupero nonostante gli stretti vincoli di quarantena del paese. Le vendite al dettaglio in Germania sono cresciute fino all'11,0% a marzo, e in Europa fino al 12,0% su base annua. La coppia EUR/USD ha chiuso la settimana con un aumento del -1,2%.

JPY

La coppia asiatica di punta USD/JPY si è consolidata sopra il livello di 109,0 all'inizio della settimana, ma in seguito si è deprezzata a 108,4, riflettendo il sentiment di indebolimento del dollaro statunitense. Non sono stati pubblicati dati economici rilevanti. USD/JPY ha chiuso la settimana con un calo dello 0,7%.

GBP

La sterlina britannica e il dollaro statunitense hanno scambiato intorno al livello di 1.390 punti, raggiungendo appena 1.400 venerdì, insieme a un forte impulso alla svalutazione del dollaro statunitense. I dati economici hanno incluso gli indici PMI settoriali, che si sono attestati a 60,9 punti nel settore manifatturiero e a 61,0 nei servizi. La banca centrale non ha cambiato le sue politiche monetarie e di stimolo. GBP/USD ha terminato la settimana apprezzandosi dell'1,2%.

Eventi economici

Questa settimana inizierà con calma e i dati importanti non sono previsti per lunedì. L'inflazione in Cina e la spesa delle famiglie giapponesi insieme all'indice tedesco ZEW Economic Sentiment saranno attesi martedì. Mercoledì porteranno i dati sul primo trimestre dell'economia britannica e la produzione industriale, così come i dati effettivi sull'inflazione statunitense di aprile. Giovedì non sono previsti indicatori importanti, mentre venerdì saranno monitorati i dati sulle vendite al dettaglio degli Stati Uniti e la produzione industriale del paese.

Secondo i dati di Admirals sul sentimento del mercato, il 14% degli investitori ha posizioni lunghe nella coppia EUR/USD (in calo di ben 51 punti percentuali rispetto ai dati della scorsa settimana). Nella principale coppia asiatica USD/JPY, il 53% degli investitori ha posizioni lunghe (in aumento di 21 punti percentuali). Nella coppia GBP/USD, il 26% dei partecipanti si aspetta un aumento (in calo di 46 punti percentuali). Questi dati di mercato vengono interpretati come controindicazioni, quindi ci si aspetta che EUR/USD e GBP/USD si apprezzino e USD/JPY si deprezzi. L'analisi dei dati di posizionamento deve essere combinata con proiezioni fondamentali e analisi tecnica.

Fonti: bloomberg.com, reuters.com, Admiral Markets MT4 Supreme Edition, investing.com

MT5 Multi Asset

I dati presentati forniscono informazioni aggiuntive riguardanti tutte le analisi, stime, prognosi, previsioni, revisioni di mercato, prospettive settimanali o altre valutazioni o informazioni simili (di seguito "Analisi") pubblicate sui siti web delle società di investimento Admiral Markets che operano sotto il marchio Admiral Markets (di seguito "Admiral Markets") Prima di prendere qualsiasi decisione di investimento si prega di prestare molta attenzione a quanto segue:

  1. Questa è una comunicazione di marketing. Il contenuto è pubblicato solo a scopo informativo e non deve in alcun modo essere interpretato come consiglio o raccomandazione di investimento. Non è stato preparato in conformità con i requisiti legali volti a promuovere l'indipendenza della ricerca sugli investimenti e non è soggetto ad alcun divieto di negoziazione prima della diffusione della ricerca sugli investimenti.

  2. Ogni decisione di investimento è presa da ogni cliente da solo, Admiral Markets non è responsabile per qualsiasi perdita o danno derivante da qualsiasi decisione, basata o meno sul contenuto.

  3. Al fine di proteggere gli interessi dei nostri clienti e l'obiettività dell'analisi, Admiral Markets ha stabilito procedure interne pertinenti per la prevenzione e la gestione dei conflitti di interesse.

  4. L'Analisi è preparata da un analista indipendente (Alberta Gava, di seguito "Autore") sulla base delle sue stime personali.

  5. Sebbene sia stato compiuto ogni ragionevole sforzo per assicurare che tutte le fonti del contenuto siano affidabili e che tutte le informazioni siano presentate, per quanto possibile, in modo comprensibile, tempestivo, preciso e completo, Admiral Markets non garantisce l'accuratezza o la completezza di qualsiasi informazione contenuta nell'Analisi.

  6. Qualsiasi tipo di performance passata o modellata di strumenti finanziari indicata all'interno del contenuto non deve essere interpretata come una promessa, garanzia o implicazione espressa o implicita da parte di Admiral Markets per qualsiasi performance futura. Il valore dello strumento finanziario può sia aumentare che diminuire e la conservazione del valore dell'asset non è garantita.

  7. I prodotti con leva finanziaria (inclusi i contratti per differenza) sono di natura speculativa e possono comportare perdite o profitti. Prima di iniziare a fare trading, assicurati di aver compreso appieno i rischi connessi.
Avatar-Admirals
Admirals
Una soluzione all-in-one per spendere, investire e gestire i tuoi soldi

Più di un broker, Admirals è un hub finanziario, che offre una vasta gamma di prodotti e servizi finanziari. Diamo la possibilità di affrontare la finanza personale attraverso una soluzione all-in-one per investire, spendere e gestire i soldi.