Utilizziamo i cookies per offrirti la migliore esperienza possibile sulla nostra pagina web. Continuando la navigazione su questo sito, dai il consenso all`utilizzo dei cookie. Per ulteriori dettagli, tra cui come modificare le proprie preferenze, si prega di leggere Informativa sulla Privacy.
Ulteriori Informazioni Accetto
L` 81% dei conti retail perde denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. L` 81% dei conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro. expand_more

Beni rifugio | Come investire quando la paura invade i mercati

Marzo 16, 2020 12:50 UTC

I cosiddetti Safe-heaven securities o Beni rifugio sono tutti quegli strumenti finanziari il cui valore aumenta durante i periodi di rallentamento economico o di avversione al rischio. Questi asset difensivi si distinguono in tempi di crisi perché non sono intimamente correlati allo sviluppo dell'economia, il che significa che possono essere rivalutati anche in caso di crollo del mercato, con alcune eccezioni.

bene rifugio

Oggi giorni, i beni di rifugio sono sempre più importanti. Gli investitori hanno spesso familiarità con l'argomento, ma in tempi di paura del mercato, quando tutti cercano un rifugio sicuro, possono reagire con un certo ritardo. Il modo migliore per trovare questi beni è guardare alle ultime due crisi finanziarie: quando c'è stata una vendita significativa di beni, anche quelli considerati "sicuri". Iniziamo!

Beni rifugio quali sono - Come individuarli nelle incertezze finanziarie

L'"etichetta" di beni rifugio, quelli che offrono sicurezza quando la paura prende il sopravvento sui mercati, è dovuta a diversi motivi. In primo luogo, perché questi strumenti sono garantiti da entità la cui credibilità è indiscutibile, perché gli investitori credono che saranno sempre solvibili e non falliranno mai. Ad esempio, i governi dei paesi più sviluppati. In secondo luogo, perché gli investitori conoscono la storia di questi beni e sanno che sopravvivono a tutte le crisi finanziarie del mondo, ad esempio i metalli preziosi. In sunto, le attività considerate rifugio sicuro includono strumenti finanziari e materie prime che:

  • Hanno confermato la loro resilienza in più di un'occasione di crisi
  • L'entità che li emette è solvibile e può sempre pagare, indipendentemente da un'eventuale crisi finanziaria in corso

In tempi di panico, gli investitori cercano beni rifugio per proteggere i loro risparmi dalla tempesta in arrivo. Questa mossa rafforza le scorte dei beni rifugio, che stanno aumentando di valore. Al contrario, quando l'economia globale sta andando bene e nessuno vede rischi all'orizzonte, gli investitori si rivolgono ad asset più rischiosi. Questa mossa farà perdere valore ai beni di rifugio.

Cosa sono i beni rifugio

Per capire meglio i beni rifugio quali sono, confrontiamo il nostro capitale con una barca da pesca. Se l'oceano è calmo, lasciamo il porto e andiamo a pescare. Sappiamo però che le acque calme possono cambiare in qualsiasi momento, proprio come i mercati finanziari. Pertanto, è importante rimanere sempre vigili di modo che, quando arrivi la tempesta, non veniamo sorpresi in mare, ma in un porto sicuro. Gli investitori fanno lo stesso: preferiscono guadagnare meno soldi ma mantenere il loro capitale al sicuro. Come ci insegna la prima regola del Money Management, la protezione del nostro capitale è la cosa più importante.

I beni di rifugio hanno alcune caratteristiche che generalmente contribuiscono alla loro reputazione di sicurezza:

  • La liquidità: le attività devono essere facilmente convertibili in contanti in qualsiasi momento.
  • La funzionalità: investire in beni rifugio deve essere funzionale, cioè la domanda deve essere assicurata a lungo termine.
  • Un'offerta limitata: la crescita dell'offerta non deve mai superare la domanda.
  • La non sostituzione: è improbabile che diventi obsoleta o che venga sostituita.
  • La persistenza nel tempo: il bene non deve degradarsi o deteriorarsi nel tempo.

I titoli dei beni rifugio più popolari cambiano nel tempo, quindi è importante stare al passo con le tendenze degli investimenti. Tuttavia, ci sono alcuni stock di beni di rifugio sicuro che non sono mai stati superati nel corso degli anni e rimangono i preferiti dei trader professionali. Sono le seguenti:

  • Il Dollaro USA
  • Lo Yen giapponese
  • Il Franco svizzero
  • Alcuni titoli di Stato
  • L'oro
  • Azioni di beni difensivi

Beni rifugio più popolari

Ora che sappiamo un po' di più sui beni di rifugio, diamo un'occhiata più da vicino e vediamo i beni rifugio quali sono:

  • Forex - JPY, USD e CHF. In tempi di crisi, il denaro di solito lascia i mercati emergenti per il Giappone, gli Stati Uniti e la Svizzera.
  • Titoli di Stato - Giappone, USA e Svizzera. Il mercato considera queste economie come le più sicure e stabili e i governi danno l'impressione di essere sempre solvibili.
  • Metalli preziosi. Sebbene i metalli preziosi non appartengano più al sistema monetario, la storia ha dimostrato più di una volta che sono il bene più sicuro della storia, in tempi di incertezza e crisi.

A questi si possono aggiungere altri strumenti finanziari, ma devono soddisfare i requisiti di cui abbiamo parlato qui sopra, cioè devono essere stabili e affidabili a livello economico e governativo. D'altro canto, dobbiamo tener conto del fatto che alcune valute possono essere fortemente correlate con i loro indici di borsa. Se la situazione economica del paese è positiva e la banca centrale ha ridotto i tassi d'interesse, gli investitori utilizzeranno la valuta per finanziare i loro investimenti.

In questo caso, finanziano i loro nuovi investimenti con prestiti a basso costo. Durante una grande crisi del mercato, ripagano rapidamente i loro prestiti e quindi il mercato entra in una crisi finanziaria o in una recessione economica.

Lo Yen Giapponese come bene rifugio

L'economia giapponese è la terza più grande del mondo. Nonostante le sue dimensioni e la sua popolazione limitata, funziona perfettamente. Ha una posizione consolidata nel mondo e sia la sua valuta che le sue obbligazioni sono considerate tra le più sicure del mercato.

Lo yen giapponese è considerato un bene rifugio perché spesso si apprezza rispetto al dollaro quando le azioni e i titoli di stato statunitensi sono soggetti a volatilità.

Dopo la seconda guerra mondiale, l'economia giapponese è stata ristrutturata, consentendo di recuperare il ritardo rispetto alle altre principali economie mondiali. Oggi la Banca del Giappone è molto rispettata e lo yen è diventato una delle valute più forti del mondo. Nonostante il continuo intervento del governo, la liquidità dello yen continua ad attrarre investitori in tempi difficili sui mercati finanziari, trasformandolo così in un punto di riferimento per chi vuole investire in beni rifugio.

Lo Yen si è guadagnato la reputazione di bene rifugio sicuro grazie all'elevato surplus commerciale del Giappone. Il valore delle attività estere di proprietà degli investitori giapponesi è molto più alto di quello delle attività giapponesi in mani straniere, il che significa che quando i mercati diventano rischiosi, il denaro esce da altre valute e torna sui mercati nazionali, rafforzando lo yen.

Lo Yen si rafforza principalmente per due motivi:

  • In primo luogo, gli investitori che apprezzano la posizione consolidata del Giappone e la buona situazione politica, acquistano beni giapponesi.
  • In secondo luogo, lo yen giapponese è una valuta a basso tasso d'interesse. Gli investitori utilizzano questo fatto per ottenere credito a basso costo e investirlo in attività più rischiose, come azioni, obbligazioni di paesi emergenti, ecc. Pertanto, durante l'avversione al rischio, ripagano il prestito in fretta e devono riacquistare lo yen che avevano venduto in precedenza.
  • Un'altra ragione per cui lo yen funziona ancora come bene rifugio in tempi di crisi è perché tutti pensano che sia così. Come l'oro, ha ottenuto questa etichetta e fama nel corso degli anni. Come prova, guardiamo un grafico che mostra il comportamento dell'USDJPY e dell'SP500 durante gli anni peggiori dell'ultima crisi finanziaria.

come investire in beni rifugio

Fonte: Investing

La linea blu riflette il movimento dell'USDJPY mentre la linea viola mostra l'indice SP500. La casella grigia mostra il periodo 2006-2012. Poiché l'indice SP500 era in netta flessione, gli investitori si sono rapidamente rivolti verso i beni rifugio sicuro e, in questo contesto, lo yen ha guadagnato contro il dollaro (da cui l'USDJPY).

Anche il franco svizzero ha guadagnato valore durante la crisi finanziaria globale, ma il suo impatto sui mercati internazionali è stato minimo rispetto al dollaro, all'oro e allo yen. Un'analisi della Bundesbank tedesca mostra che il franco svizzero guadagna spesso valore quando i mercati azionari mostrano segni di stress finanziario.

Il Franco Svizzero come bene rifugio

La seconda valuta forex bene rifugio più affermata è il franco svizzero. L'economia svizzera è stata a lungo un esempio per gli altri. Nel corso degli anni è stato considerato stabile e il suo sistema finanziario è non solo il migliore al mondo, ma anche il più sicuro. La Svizzera è diverse decine di volte più piccola in termini di PIL rispetto al Giappone, per cui la banca nazionale svizzera deve difendere la sua moneta a tutti i costi.

beni di rifugio

Fonte: Investing

Nel grafico qui sopra possiamo vedere la coppia di valute USDCHF (linea gialla) contro SP500 (linea viola). Il momento culminante è il periodo contrassegnato da un rettangolo grigio, quando il mercato era ribassista e il franco svizzero si rafforzava rispetto al dollaro.

I motivi tipici per cui gli investitori preferiscono il franco svizzero come bene rifugio sono la neutralità politica del governo svizzero, la sua forte economia e il suo settore bancario altamente sviluppato.

L'indipendenza del Paese dall'UE ne ha fatto un rifugio popolare per il proprio capitale quando si verificano circostanze politiche o economiche negative. Infatti, durante la crisi dell'eurozona, iniziò a fluire talmente tanto denaro nel franco svizzero che la banca centrale svizzera fu costretta ad introdurre una correzione monetaria temporanea nei confronti dell'euro per cercare di indebolire la sua moneta nazionale.

Azioni difensive come Bene rifugio

I trader che preferiscono investire in azioni possono anche rivolgersi alle cosiddette azioni difensive perché tendono a sovraperformare nel mercato azionario durante momenti di recessione (anche se i loro guadagni sono modesti quando prevale la tranquillità).

Le azioni difensive appartengono a quelle delle società quotate nel settore delle materie prime: servizi di pubblica utilità, alimenti, bevande, assistenza sanitaria, ecc. Sono considerati beni rifugio perché la domanda di beni e servizi di prima necessità rimane generalmente stabile anche in periodi di instabilità economica. Inoltre, di solito distribuiscono dividendi nonostante le crisi economiche.

Le azioni difensive non vanno confuse con il settore "Difesa", che si riferisce, tra l'altro, ai produttori di armi

Settori considerati difensivi:

  • Settore energetico. Le azioni delle aziende elettriche o del gas sono solitamente considerate difensive perché offrono un servizio essenziale ai singoli e alle aziende anche quando sono colpiti dalla crisi.
  • Settore farmaceutico.
  • Settore alimentare
  • Concessionari di infrastrutture e di servizi pubblici. Ferroviale o ACS.

Beni rifugio - Il Dollaro Americano come bene rifugio

Per più di 50 anni, il dollaro americano è stato uno dei più popolari rifugi sicuri in tempi di recessione economica. Riflette molte delle caratteristiche che i titoli Safe-haven dovrebbero avere: soprattutto, è la valuta più liquida del mercato Forex.

Il dollaro americano ha ancora una posizione privilegiata. Il prezzo di tutte le materie prime, in particolare del petrolio, è fissato in questa valuta. Inoltre, i mercati obbligazionari e dei capitali statunitensi sono i più grandi del mondo: se qualcosa accade negli Stati Uniti, tutti ne risentono.

Questa fiducia nel dollaro USA deriva dagli accordi di Bretton Woods del 1944, quando fu stabilito un nuovo ordine economico mondiale che consolidò il dollaro USA come valuta di riferimento mondiale. Questo sistema è stato rotto negli anni '70 ma, anche dopo, il dollaro è rimasto un bene rifugio e un porto sicuro perché rappresenta la più grande economia del mondo.

Il dollaro americano serve da bene rifugio sicuro. Il suo più grande vantaggio rispetto alle altre valute è che è una valuta di riserva. Anche se l'ultima crisi è scoppiata negli Stati Uniti, il dollaro ne è uscito indenne.

investire in beni di rifugio

Fonte: Admiral Markets MetaTrader 5 Supreme Edition. Grafico settimanale. Gamma di dati: Gennaio 2007 - settembre 2010. Prodotto il 29 gennaio 2020. Si prega di notare che le prestazioni passate non sono garanzia di prestazioni future.

Nel grafico in alto dell'immagine si può vedere l'andamento della SP500 tra gennaio 2007 e settembre 2010, periodo in cui è scoppiata l'ultima crisi finanziaria. Il grafico seguente mostra l'andamento dell'indice del dollaro USA nella stessa fase. Nel punto più basso dell'SP500 possiamo vedere come il dollaro ha guadagnato valore.

Anche se molti credevano che lo status del dollaro come bene rifugio sicuro sarebbe stato influenzato dalla maggiore volatilità causata dalla controversa politica del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, sembra che la valuta stia ancora godendo dei privilegi di essere un rifugio sicuro. Ad esempio, sebbene le tensioni commerciali con la Cina abbiano causato fluttuazioni nei mercati azionari e delle materie prime, l'indice del dollaro USA è aumentato del 6,40% tra gennaio 2018 e fine ottobre 2019. Tuttavia, con gli attuali scossoni dovuti al fenomino COVID-19 sembra che nessun mercato sia davvero prevedibile.

Tradizionalmente, si pensava che quando un'economia forte sperimentava turbolenze, la sua moneta si lasciava considerare un rifugio e si indeboliva rispetto ad altri beni più sicuri. Tuttavia, nel 2008, quando è scoppiata la crisi finanziaria globale negli Stati Uniti, il valore del dollaro è salito inaspettatamente contro altre valute, sorprendendo gli economisti e dimostrando quanto sia difficile prevedere il comportamento delle valute come beni rifugio.

Il rafforzamento del dollaro è dovuto in parte all'attrattiva dei buoni del tesoro americani, considerati i migliori e più sicuri al mondo. Quando Lehman Brothers è crollata nel settembre 2008, gli investitori hanno voltato le spalle alle obbligazioni societarie più rischiose e sono fuggiti verso i titoli di Stato statunitensi. Lo hanno fatto per motivi di sicurezza, nonostante il fatto che l'elevata domanda di titoli del Tesoro abbia fatto scendere drasticamente i loro rendimenti ai minimi storici. Nel frattempo, questo grande afflusso di titoli del Tesoro ha causato un aumento della domanda di dollari e, di conseguenza, un aumento del tasso di cambio del dollaro.

Nelle prossime settimane vedremo come le recenti decisioni della FED di abbassare i tassi di interesse e lanciare una quantitative easing per soccorrere l'economia statunitense dalla crisi causata dall'espansione globale del COVID-19 influenzerà l'andamento del dollaro americano. Rimaniamo attenti ai grafici!

Se desideri approfondire alcuni dei concetti relativi al trading di cui abbiamo parlato finora, potete consultare i nostri articoli gratuiti e consultare tantissimi altri temi inerenti al trading online e agli investimenti finanziari nella nostra sezione dedicata ad Articoli e Tutorial. Se invece preferisci iniziare subito a dare un'occhiata ai mercati scarica la nostra piattaforma per eccellenza: MetaTrader Supreme Edition e controlla i grafici dei prezzi dal tuo conto demo, senza mettere a rischio nemmeno un'euro dei tuoi risparmi.

Clicca nel banner qui sotto per iniziare subito!

beni fifugio crisi finanziaria

Investire in beni di rifugio - Effetti collaterali

La fuga verso i titoli del Tesoro statunitense e il dollaro durante l'ultima crisi finanziaria ha generato una grande carenza di dollari, che a sua volta ha causato un drammatico calo del commercio internazionale. D'altra parte, l'aumento del dollaro ha danneggiato gli esportatori statunitensi, ma ha aiutato gli importatori. Analogamente, la forza dello Yen ha avuto un effetto negativo sui produttori e sugli esportatori giapponesi. Allo stesso tempo, la riduzione della spesa dei consumatori statunitensi ha comportato un calo della domanda di importazioni, che a sua volta ha danneggiato gli esportatori giapponesi. Le importazioni statunitensi dal Giappone sono diminuite del 40% all'inizio del 2009.

L'Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) stima che durante la crisi il volume del commercio mondiale è diminuito di circa il 12% e il rapporto tra commercio mondiale e PIL è sceso di quasi il 30%.

Il modo in cui le valute e i beni rifugio sicuri, in particolare il dollaro, hanno risposto agli eventi dell'ultima crisi ha portato a un cambiamento fondamentale nel modo in cui gli esperti vedono l'economia globale. Gli economisti ora capiscono che i beni rifugio sicuri non sempre corrispondono al comportamento storico, sono influenzati da determinate circostanze e possono agire in modi inaspettati.

Infatti, nel gennaio 2018, quando il dollaro e lo yen si sono rafforzati in concomitanza con un'impennata delle tensioni sui mercati, l'oro, i titoli del Tesoro statunitense e il franco svizzero si sono indeboliti.

Comportamenti inattesi potrebbero avvenire anche in questa nuova situazione di crisi scaturida dalla diffusione mondiale del Coronavirus. Solo il tempo ci dirà come stanno reagendo i mercati e nello specifico i beni rifugio a questa nuova crisi globale. Come investire in beni rifugio rimane quindi una sorta di incognita in questo preciso momento storico.

Inoltre, negli ultimi anni è emerso un nuovo bene rifugio, secondo alcuni analisti: il Bitcoin.

Investire in beni rifugio - Bitcoin come bene rifugio

Negli ultimi anni i progressi della Bitcoin sono sempre più correlati all'aumento dell'incertezza globale. Sebbene la correlazione non sia stata ancora pienamente stabilita, molti ritengono che nel prossimo futuro vedremo più spesso flussi di capitali verso Bitcoin.

Tuttavia, non tutti gli analisti ritengono che investire in bitcoin sia una strategia d'investimento prudente perché è un'attività altamente speculativa. Tuttavia, alla fine di gennaio 2020, quando il nervosismo ha iniziato a smuovere il mercato a causa della crisi del coronavirus, Bitcoin è stato particolarmente apprezzato con una quotazione oltre i 9.000 dollari, tre volte di più rispetto a un anno prima.

bitcoin bene rifugio

Fonte: Admiral Markets MetaTrader 5 Supreme Edition. BTC - grafico a 4 ore. Gennaio 2020. Preparato il 29 gennaio 2020. Si prega di notare che le prestazioni passate non sono garanzia di rendimenti futuri.

Nel grafico sopra riportato possiamo vedere come il Bitcoin inizi un fortissimo trend al rialzo il 24 gennaio 2020, quando il contagio aumenta in Cina e nuovi casi iniziano ad essere rilevati in Europa e negli Stati Uniti, causando turbolenze nei mercati.

Al giorno d'oggi (16 Marzo 2020) anche Bitcoin sta subendo dell forti cadute, ma potrebbe performare con ritardo rispetto alla caduta generale, come sappiamo che alcuni beni rifugio sono soliti fare.

Beni rifugio - L'Oro Bene rifugio

La quintessenza dei beni rifugio nel corso della storia è stata prorio l'oro, anche se ora è stato in parte sostituito da altri beni. La società torna sempre all'oro e questo probabilmente non cambierà mai. Poco dopo lo scoppio dell'ultima crisi, l'oro ha guadagnato slancio e si è apprezzato fortemente, come si vede nel grafico seguente:

oro bene rifugio

Fonte: Admiral Markets MetaTrader 5 Supreme Edition. Grafico settimanale. Oro. Gamma di dati: aprile 2005 - gennaio 2020. Preparato il 29 gennaio 2020. Si prega di notare che le prestazioni passate non sono garanzia di rendimenti futuri.

Nel gennaio 2020, possiamo assistere a un nuovo aumento del prezzo dell'oro - come sta accadendo con Bitcoin - a causa della prima minaccia rappresentata dal "coronavirus" per l'economia cinese e, di conseguenza, per la crescita globale. Nonostante quella prima crescita, ora che il fenomeno è diventato globale, anche l'oro sta accusando delle cadute, che potrebbero però evolvere nelle prossime settimane con un cambio di tendenza in ritardo rispetto all'andamento generale del mercato.

Durante le crisi economiche, l'oro bene rifugio sale. Quando l'economia riprende vigore, il metallo dorato inizia a perdere il suo fascino. Questo è stato il caso dell'ultima crisi: l'indice del prezzo dell'oro è salito di quasi il 25% tra il 2008 e il 2010 e poi, come previsto, è sceso al 22% nel 2012.

Come già menzionato, lo yen giapponese è un altro bene rifugio sicuro, è stata l'unica valuta asiatica a guadagnare valore durante la crisi finanziaria, influenzando l'economia globale e cambiando l'equilibrio di potere nei mercati valutari.

Beni rifugio - Quando investire in beni rifugio?

Le crisi sono inevitabili perché fanno parte dei cicli di mercato, quindi i trader dovrebbero essere sempre pronti a reagire rapidamente. Ciò significa che dovrebbero essere chiari su quali rifugi sicuri investiranno per proteggere il loro portafoglio e che hanno una strategia in atto. Una corretta gestione del capitale a lungo termine migliorerà i risultati delle nostre transazioni.

I trader devono essere consapevoli del fatto che durante le crisi finanziarie la volatilità del mercato aumenta e i movimenti dei prezzi possono essere imperativi. Gli speculatori cercheranno di trarre profitto da questa maggiore volatilità. Una scarsa preparazione può far fallire questa strategia.

Non c'è un modo perfetto per negoziare i beni rifugio, ma un trader che capisce i movimenti intorno a questi beni rifugio quando la crisi colpisce sarà più probabile che ne venga fuori vincitore.

Beni di rifugio - Come investire in beni rifugio

Con Admiral Markets UK Ltd puoi investire nei beni rifugio più adatti a te: valute come USD e JPY, azioni difensive, oro e Bitcoin. Come? Con il conto Trade.MT5 puoi negoziare CFD su criptovalute, oro, obbligazioni o azioni, con spread a partire da 0,5.

Il trading con i CFD permette l'utilizzo della leva finanziaria, cioè possiamo iniziare a fare trading con una piccola percentuale della posizione. Tuttavia, dobbiamo fare attenzione quando usiamo questo strumento perché, allo stesso modo in cui moltiplica i nostri potenziali profitti, moltiplica anche le nostre potenziali perdite.

Admiral Markets offre anche la possibilità di investire direttamente in azioni ed ETF, attraverso il conto Invest.MT5 con spread a partire da 0. Per maggiori informazioni, basta cliccare sul banner sottostante:

come investire in beni rifugio

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Admiral Markets

Siamo un broker con presenza globale e regolamentato dalle più alte autorità finanziarie. Offriamo l'accesso alle piattaforme di trading più innovative. Negoziamo CFD, azioni e ETF.

Buon Trading!

Admiral Markets

Avvertenza sui rischi: i dati forniti forniscono informazioni aggiuntive rispetto a tutte le analisi, stime, previsioni o altre valutazioni o informazioni simili ("Analisi") pubblicate sul sito web di Admiral Markets. Prima di prendere qualsiasi decisione di investimento, prestare particolare attenzione a quanto segue:

  1. Questa è una comunicazione di marketing. Il contenuto è pubblicato a solo scopo informativo e non deve essere interpretato in alcun modo come consiglio o raccomandazione di investimento. Non è stato preparato in conformità con i requisiti legali volti a promuovere l'indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non è soggetto ad alcun divieto di negoziazione prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.
  2. Qualsiasi decisione di investimento è presa da ciascun cliente separatamente, mentre Admiral Markets AS (Admiral Markets) non sarà responsabile per qualsiasi perdita o danno derivante da tale decisione, sia essa basata o meno sul contenuto.
  3. Per garantire che gli interessi dei clienti siano tutelati e l'obiettività dell'Analisi non sia compromessa, Admiral Markets ha stabilito procedure interne rilevanti per la prevenzione e la gestione dei conflitti di interesse.
  4. L'analisi è preparata da un analista indipendente (Collaboratore freelance) sulla base delle sue stime personali.
  5. Sebbene sia stato fatto ogni ragionevole sforzo per assicurare che tutte le fonti dell'Analisi siano affidabili e che tutte le informazioni siano presentate, per quanto possibile, in modo comprensibile, tempestivo, accurato e completo, Admiral Markets non garantisce l'accuratezza o la completezza delle informazioni contenute nell'Analisi.
  6. Qualsiasi precedente performance o modellizzazione degli strumenti finanziari indicati nella Pubblicazione non deve essere interpretata come promessa, garanzia o implicazione espressa o implicita da parte di Admiral Markets per qualsiasi performance futura. Il valore dello strumento finanziario può aumentare o diminuire e il mantenimento del valore dell'attività non è garantito.
  7. I prodotti a leva (compresi i contratti per differenze) sono di natura speculativa e possono generare profitti o perdite. Prima di iniziare a fare trading, è necessario assicurarsi di aver compreso tutti i rischi.